Choc al corteo pro-Palestina, un organizzatore: “Hamas come i partigiani”

L’intervento di Shokri Hroub, fra i responsabili dell’Unione democratica arabo palestinese, ha spaccato la platea. Si è sentito qualche applauso, ma anche molti fischi

Milano, 11 novembre 2023 – Un paragone decontestualizzato e che pare privo di un qualsiasi fondamento storico. E che non è stato gradito nemmeno da parte del pubblico intervenuto a ribadire la propria solidarietà alla popolazione di Gaza, prostrata dagli attacchi di Israele in risposta alla mattanza organizzata da Hamas all’inizio dell’ottobre scorso.

Un momento della manifestazione pro Palestina di oggi, sabato 11 novembre (Canella)
Un momento della manifestazione pro Palestina di oggi, sabato 11 novembre (Canella)

E proprio il giudizio sul movimento islamista che governa la Striscia è oggetto di parole destinate a creare polemica. A pronunciarle è stato Shokri Hroub, fra i responsabili dell’Unione democratica arabo palestinese, organizzazione considerata vicina al Fronte popolare per la liberazione della Palestina.

Chiamato a intervenire al termine della manifestazione milanese organizzata oggi, sabato 11 novembre, da un composito fronte di sigle e sodalizi vicini alla causa palestinese, Hroub si è lanciato in un confronto spericolatissimo. “Hamas – ha detto – è una forza originale e fa parte della resistenza del popolo palestinese, ha il diritto e il dovere di resistere come i partigiani a Sant'Anna di Stazzema".

Il riferimento a una delle tragedie più dolorose della repressione nazista in Italia, l’eccidio di 560 persone, soprattutto civili, nella piccola località toscana, ha spaccato i manifestanti che hanno raggiunto piazza Leonardo da Vinci, area scelta per il comizio finale successivo al corteo.

Qualcuno fra i tremila partecipanti circa ha applaudito, altri hanno sottolineato la sua disapprovazione con sonori fischi. Nel corteo si era notato anche un cartellone che inneggiava all’operato di Hamas, con il marchio del Partito marxista leninista italiano.