Gay pride a Milano (Newpress)
Gay pride a Milano (Newpress)

Milano, 20 giugno 2018 - Dieci giorni e 60 eventi per ribadire l'importanza della libertà, del rispetto delle differenze, dell'inclusività e delle affermazioni dei diritti. Sono gli elementi della Milano Pride, la manifestazione dell'orgoglio gay, lesbico, transessuale, che si terrà in città dal 22 giugno all'1 luglio e che avrà il suo culmine nella parata del 30 giugno. Il tema di questa edizione è quello del #civilimanonabbastanza.

"Milano ha raggiunto tanti traguardi ma c'è ancora tanto da fare, è un percorso di crescita culturale - ha commentato Fabio Pellegatta, presidente di Arcigay Milano, che organizza la dieci giorni del Pride con il Coordinamento arcobaleno -. Con queste politiche che cercano di farci arretrare in una dimensione culturale lontana dai tempi che stiamo vivendo dobbiamo ancora di più scendere in piazza. Non  sono i ministri che dicono cosa è diritto, ma le nostre vite". Il Comune anche quest'anno ha dato il patrocinio alla manifestazione. "Facciamo un appello a tutte le istituzioni a esserci, a non avere paura e non fare passi indietro - ha detto l'assessore alle Politiche sociali del Comune, Pierfrancesco Majorino -. Spero che le pessime uscite del ministro Fontana rimangano solo pessime uscite e non si trasferiscano in nessun atto e provvedimento: nel caso noi saremo al fianco di tutte le persone che pongono una questione di diritti per non mettere in discussione i passi fatti". Il Pride non sarà solo parata, ma anche eventi e divertimento nella Pride Square a Porta Venezia. "Saranno giornate serene di festa - ha detto l'assessore alla Sicurezza del Comune e vicesindaco, Anna Scavuzzo -. L'obiettivo sarà quello di rendere permeabile l'evento alla partecipazione di tante persone in modo gioioso e festoso".

 

PRIDE WEEK

Sabato 23 giugno al Teatro Elfo Puccini, la compagnia La Dual Band va in scena con l’istrionico Let’s talk about sex, un pastiche colto ma non presuntuoso, divertente e divertito che racconta in prosa e in musical dell’attrazione e dell’erotismo partendo dal brodo primordiale, passando poi per i grandi classici letterari, per la storia della musica e per i mutamenti del costume nel corso dei secoli. Lo stesso giorno, il Teatro Elfo Puccini ospita anche P.A.R.T.Y. il progetto fotografico
itinerante che racconta il mondo artistico della nightlife QLGBT. Il fotografo Nils Rossi svela i volti di performer, ballerini, dj e, in senso più ampio, degli artisti che si sono esibiti durante la stagione 2017/18 di q|LAB, il contenitore musicale in Via Padova.

Lunedì 25 giugno tutti al Cinema Arcobaleno con Filippo Timi e Sebastiano Mauri per la proiezione del film Favola, una commedia dissacrante sul tema dell’identità che racconta sogni e dolori di Fairytale, una donna americana, borghese e transessuale che cerca di evadere da un’America-confetto in stile anni ’50, una gabbia troppo piccola per contenere il suo segreto. Perché in fondo, “a cosa serve essere normali, se non sei felice?” Il film è in programma anche il martedì 26 e mercoledì 27 giugno; info e prenotazioni su cinenauta.it.

Mercoledì 27 giugno l’appuntamento è in Microsoft House per un talk, organizzato in collaborazione con PARKS, in cui i rappresentanti di diverse aziende espongono le iniziative virtuose prese sui temi dell’identità di genere. A seguire, aperitivo e proiezione di The Danish Girl il film acclamato dalla critica ispirato alla vita del poeta danese Lili Elbe, la prima persona a essere identificata come transessuale e a essersi sottoposta a un intervento chirurgico di riassegnazione sessuale. Evento gratuito su prenotazione.

L’edizione 2018 dà spazio anche ai libri. La Libreria Antigone, specializzata in studi di genere, femminismi, arte e cultura queer, in occasione di Milano Pride 2018 ha messo a punto un programma di presentazioni di libri e incontri con gli autori. Giovedì 28 lo scrittore e saggista Crocifisso Dentello dialoga con il Premio Strega Walter Siti a partire dal libro Bruciare tutto. Che cos'è una famiglia? Quanti tipi di famiglie possono esistere? Sabato 23 giugno, la Libreria dei Ragazzi invita grandi e piccini per leggere insieme e scoprire tante storie, cercare risposte a queste domande e poi, pastelli alla mano, dare sfogo alla fantasia. Numerose anche le presentazioni di libri presso la storica Libreria Tadino tra cui la
presentazione del libro “La donna non esiste. E l’uomo? Sesso, genere e identità”. Una vera e propria indagine su uno dei temi più caldi e divisivi del dibattito sociale e culturale odierno, condotta dalla docente di filosofia teoretica Nicla Vassallo. In programma mercoledì 27.

Domenica 1 luglio, i Gruppi Sportivi di Pride Sport Milano invitano tutti i milanesi sopravvissuti alla parata e alle serate conclusive di Milano Pride al Quanta Club per partecipare a tornei di beach volley, calcetto, tennis e running. Un momento di condivisione all’insegna dei valori dello sport come rispetto, lealtà, integrazione, sana competizione e affermazione del merito.


LA PRIDE SQUARE

Da giovedì 28 a sabato 30 giugno a Porta Venezia – MM1, tre cuori pulsanti danno vita a un village cittadino, una piazza diffusa in collaborazione con Movimento Porta Venezia che ospita i protagonisti della manifestazione per diventare un luogo di incontro e confronto ma anche di svago con l’energia prorompente del Pride.

Dal pomeriggio di giovedì 28 fino a sabato mattina in Piazzale Lavater nasce il Rainbow Garden, un grande spazio con giochi e attività per i più piccoli. Il Rainbow Garden, un’iniziativa fortemente voluta da Milano Pride e dall’associazione Famiglie Arcobaleno in collaborazione con il Blanco, il Ristorante Olio e la Gelateria Wally, è finalizzata ad educare i più piccoli alla diversità e alla condivisione, anche grazie alla casa editrice per bambini Stampatello.

Si anima invece con serate e party la scalinata di Via Vittorio Veneto che ospita il palco principale della Pride Square. Giovedì 28 e venerdì 29 giugno La Wanda Gastrica presenta le selezioni per il Nord Italia de Il Gay Più Bello d’Italia e quelle regionali di Miss Drag Queen. I vincitori competeranno poi per il titolo nazionale allo storico Mamamia di Torre del Lago in Versilia.

Il terzo cuore della Pride Square, Largo Bellintani, è invece dedicata a coloro che rendono possibile Milano Pride. Un’opportunità per conoscere le associazioni, le aziende e i gruppi LGBT+ che sono impegnati a diffondere i messaggi e valori del Pride 365 giorni all’anno. Giovedì 28 dalle 20.00 Checcoro – il primo coro LGBT+ di Milano - e Good News danno appuntamento per il tradizionale concerto a cappella che spazia dai classici italiani al pop internazionale e pezzi legati alla cultura e alle sfide della comunità arcobaleno. In Largo Bellintani anche il Gruppo Salute del CIG Arcigay, LILA Milano ONLUS e ASA ONLUS Milano con una postazione dove tutti potranno sottoporsi gratuitamente a test HIV rapidi.

 

LA PARATA

Dopo il successo dell’edizione 2017 che ha coinvolto oltre 200.000 persone, la tradizionale parata va in scena sabato 30 giugno con ritrovo in Piazza Duca D’Aosta alle 15 – MM 2-3 Centrale - per attraversare Piazza Caiazzo e proseguire lungo Corso Buenos Aires. Al termine del percorso in Porta Venezia il corteo si trasforma in un party cittadino a cielo aperto. Sul palco principale, Drusilla Foer - madrina di Milano Pride 2018 - condurrà lo spettacolo conclusivo insieme allo speaker Fabio Marelli di Discoradio. Qui, momenti di musica e festa sono alternati ai discorsi delle istituzioni e delle associazioni. L’evento si conclude con il flashmob organizzato da Angelo Cruciani.