Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 lug 2022

Eni-Nigeria, il pg smonta l’accusa: chiacchiere

Il magistrato si rifiuta di coltivare il ricorso della Procura: nessuna prova. Assoluzione definitiva per Descalzi e gli altri imputati

20 lug 2022
diandrea gianni
Cronaca

di Andrea Gianni Non prove ma "chiacchiere e opinioni generiche". Un "colonialismo della morale" da parte del pm perché, come "le potenze neocoloniali tracciavano i confini senza sapere cosa c’era sotto", ha "imposto" la propria linea. Le parole del sostituto procuratore generale di Milano Celestina Gravina si sono trasformate in un duro atto d’accusa nei confronti di un altro magistrato, il procuratore aggiunto Fabio De Pasquale. E hanno messo una pietra tombale sul processo con al centro Eni e Shell e il caso della Nigeria, finito al centro anche dello scontro in Procura. Con la rinuncia ai motivi di appello, il sostituto pg (magistrato che rappresenta la pubblica accusa nei processi di secondo grado) ha reso definitive le assoluzioni di primo grado di tutti i 15 imputati, tra cui l’ad Eni Claudio Descalzi e il suo predecessore Paolo Scaroni. Ha parlato per circa mezz’ora, il sostituto procuratore generale Gravina, quanto è bastato per polverizzare, davanti alla seconda Corte d’Appello, anni di accuse e per chiudere il procedimento sotto penale lasciandolo aperto solo per questioni civili. Con una mossa, finora quasi mai vista in un’aula di giustizia, ha ritenuto di dover “bocciare“ l’atto di impugnazione firmato dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale con la richiesta di ribaltare la sentenza con cui l’anno scorso il Tribunale aveva scagionato i 15 imputati, società comprese, ai quali era stata contestata la corruzione internazionale. E nel proporre ai giudici la "declaratoria di passaggio in giudicato" del verdetto, ha affermato che "questo processo deve finire perché non ha fondamento", aggiungendo che chi "per 7 anni è stato sotto procedimento, ha il diritto di vedere cessare questa situazione che è contra legem rispetto all’economia processuale e alle regole del giusto processo". Nel suo intervento il pg ha sottolineato non solo come l’atto scritto e firmato dal pubblico ministero ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?