"Ecovandali a Milano, blitz anti-Montanelli: il commento"

Gli ambientalisti di Extinction Rebellion hanno preso di mira la statua di Indro Montanelli negli omonimi giardini di Porta Venezia a Milano, ricoprendola di nastro giallo e nero e collocando intorno poster per denunciare la crisi climatica ed ecologica. Politici e cittadini hanno reagito alla protesta.



"Ecovandali a Milano, blitz anti-Montanelli: il commento"

"Ecovandali a Milano, blitz anti-Montanelli: il commento"

Ci risiamo. Dopo le proteste degli anni scorsi da parte dei Sentinelli pro-comunità Lgbtq+ e del movimento “Non Una Di Meno’’, la statua di Indro Montanelli negli omonimi giardini di Porta Venezia è stata presa di mira dagli ambientalisti di Extinction Rebellion. Gli ultrà ecologisti hanno completamente ricoperto di nastro giallo e nero il monumento dedicato al giornalista e hanno collocato intorno dei poster gialli con la scritta ‘’Area pericolosa per la salute umana - Crisi climatica ed ecologica’’ e con un triangolo di pericolo che asserisce ‘’Nell’aria che stai respirando sono stati rilevati inquinanti oltre la soglia di sicurezza per la salute umana’’. Nel mirino dei militanti di Extinction Rebellion è finita l’intera Pianura Padana perché troppo inquinata e per le morte premature di bambini e anziani provocate dagli agenti inquinanti. Già giovedì il movimento aveva denunciato la grave situazione climatica ai cittadini, rendendo inoltre inaccessibili tramite il nastro segnaletico le strutture ludiche per i bambini in più parchi giochi di Milano: Parco Valentino Bompiani, Piazza Gerusalemme e Giardino Salvador Allende.

La protesta di ieri ai giardini di Porta Venezia è stata caricata anche da un ulteriore significato. Lorenzo, uno degli attivisti ambientalisti, spiega infatti che "Montanelli, che non ha mai rinnegato il razzismo e la violenza di genere del progetto coloniale italiano, è il simbolo di un passato, ma anche di un presente, costruito sul mito della crescita infinita, dello sfruttamento di territori, persone, risorse".

Non sono mancate le reazioni politiche al blitz ecologista, tra cui quella del vicecapopruppo di FdI alla Camera, Alfredo Antoniozzi: "Il più grande giornalista della storia italiana, Indro Montanelli, ancora oltraggiato dagli eco cretini più che eco-vandali. Una vergogna per Milano e per l’Italia".

M.Min.