Ecco le dieci regole per un cv efficace

Ecco le dieci regole  per un cv efficace

Ecco le dieci regole per un cv efficace

Ogni curriculum vitae ha una storia a sé, ma ci sono errori da evitare che possono valere per tutti. Il

team d’orientamento di Afolmet ne ha fatto un decalogo, partendo dagli errori più formali e

di presentazione generale. I primi da evitare sono quelli grammaticali e di battitura perché potrebbero

essere visti dai recruiter come un segno di poca precisione. Quindi il consiglio è quello di rileggere quello che si è scritto prima di presentare il proprio cv. Un’altra accortezza è quella di non dimenticare di indicare i propri recapiti telefonici e la propria email. E a proposito di questo, non bisogna dimenticare di inserire l’autorizzazione al trattamento dei dati e la privacy. Un’ultima regola generale importante è evitare grafiche poco accattivanti e poco leggibili. Passando al contenuto, per quanto riguarda le esperienze di formazione e lavorative occorre ordinarle cronologicamente e in maniera coerente. Inoltre è importante far capire al selezionatore qual è il nostro obiettivo. L’errore è evitare un elenco generico di esperienze, che è meglio siano accompagnate da una breve descrizione. Soprattutto per quanti non hanno avuto grandi esperienze di lavoro, è utile includere nel cv hobby, interessi, attività di volontariato, che spesso fanno emergere importanti soft skills. Non bisogna mai omettere le competenze trasversali, le conoscenze linguistiche e quelle informatiche. Infine l’ultimo consiglio è quello di inserire le parole chiave riportate nell’annuncio nel proprio cv perché la maggior parte sono filtrati informaticamente. Ogni mese è possibile seguire questi e altri consigli per la ricerca di lavoro

grazie ai webinar gratuiti di Afolmet. Per partecipare è possibile compilare il form nella sezione dedicata

all’orientamento su afolmet.it