Quotidiano Nazionale logo
26 apr 2022

Dai Comuni più servizi online ai cittadini

ruben
Cronaca

Ruben

Razzante*

Entro giugno 2026 la digitalizzazione della pubblica amministrazione locale diventerà realtà. I Comuni, nei prossimi 4 anni, introdurranno e miglioreranno i servizi digitali a vantaggio dei cittadini. Il Piano Nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che mette questo traguardo tra i suoi obiettivi, prevede investimenti pari a un totale di 9,72 miliardi di euro. Da alcuni giorni è ufficialmente attiva la piattaforma on-line che consente agli enti della pubblica amministrazione di fare richiesta dei fondi previsti dal Pnrr per la transizione digitale, di rendicontare l’avanzamento dei progetti e di ricevere assistenza. La piattaforma permette di scegliere le iniziative di digitalizzazione dei servizi in maniera omogenea in tutto il Paese. Si inizia dai Comuni, che potranno beneficiare di circa 400 milioni così suddivisi: 100 milioni per rafforzare l’identità digitale (Spid e carta d’identità elettronica), 200 milioni per migrare i servizi di incasso per i pagamenti tra pubblica amministrazione e utentiimprese sulla piattaforma pagoPA e 90 milioni per attivare il maggior numero possibile di servizi sull’app IO. Alla fine di aprile scatterà un’altra tranche per la migrazione dei Comuni sul cloud. Poi si passerà all’implementazione dell’infrastruttura unica, che permetterà alle p.a. di notificare gli atti amministrativi a valore legale alle persone fisiche e giuridiche. Le risorse verranno assegnate in ordine di prenotazione con l’erogazione di voucher in base alla dimensione e alla tipologia dell’amministrazione locale. Aderendo a tutte le misure previste, i piccoli Comuni potranno ricevere fino a 250.000 euro, i Comuni medi fino a 800.000 euro e quelli più grandi oltre i 2 milioni di euro. Gradualmente saranno coinvolti anche istituti di ricerca e Università, Regioni e Province, Asl, scuole. Queste ultime partiranno a fine aprile, seguite dalle Aziende sanitarie locali.

* Docente

Diritto dell’informazione Università Cattolica Milano

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?