L'esterno dell'ospedale di Codogno
L'esterno dell'ospedale di Codogno

Milano, 21 febbraio 2020 - Sei casi accertati di coronavirus in Lombardia e uno in attesa di verifica. L'allarme è scattato quando è risutato contagiato un giovane italiano di 38 anni. Si tratta di un uomo residente a Castiglione d'Adda che avrebbe incontrato a inizio febbraio un collega rientrato dalla Cina per una cena in un locale a Milano. Il paziente ha avuto per giorni febbre alta e problemi respiratori che hanno creato subito preoccupazione. Per questo mercoledì si è presentato al pronto soccorso di Codogno per gli accertamenti. Da quanto si è appreso, l'uomo ha manifestato una forte insufficienza respiratoria, che ha fatto scattare i controlli specifici. E' in ricoverato in condizioni critiche e la sua prognosi è riservata. All'ospedale lodigiano stamane è arrivata anche una equipe del Sacco di Milano, punto di riferimento nazionale per le bioemergenze insieme all'istituto Spallanzani di Roma, per valutare il trasferimento del giovane nell'ospedale milanese. Altre due persone sono in isolamento nel nosocomio meneghino: si tratta della compagna del 38enne (che sarebbe anche incinta) e di un collega, risulati entrambi positivi. Oltre a loro sempre a Codogno sono stati registrati altri tre casi di coronavirus.

Scattato il protocollo di sicurezza

All'ospedale di Codogno gli accessi al pronto soccorso e le attività programmate sono state momentaneamente interrotti a scopo cautelativo. Sono, inoltre, in fase di individuazione le persone che sono state a contatto con il 38enne che saranno sottoposte ai controlli specifici. Il periodo di incubazione dura mediamente 5 giorni, ma per precauzione si tiene conto dei 14 giorni precedenti l’insorgere dei sintomi. "Abbiamo già ricostruito sia i contatti dei medici, degli infermieri, dei familiari più stretti a cui abbiamo già fatto i tamponi. Sono già stati messi tutti in isolamento o chiamati a stare in isolamento al loro domicilio" così ha spiegato l'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera. "La macchina quindi si è mossa con rapidità" ha aggiunto l'assessore. Il pronto soccorso era già stato chiuso a scopo precauzionale. "I reparti interessati dagli accertamenti sono anche la terapia intensiva e la medicina interna - ha spiegato Gallera - mentre gli altri funzionano normalmente". 

Screening su cento persone

"Chi ha avuto un contatto diretto con il 38enne - ha aggiunto - deve subito chiamare l`ATS per fare il tampone. Solo chi ha avuto un contatto stretto con l`uomo negli ultimi quindici giorni senta l`ospedale di Codogno o di 
Lodi per gli accertamenti. Chi abita nel territorio di Codogno stia tranquillo: stiamo agendo in maniera capillare e tempestiva. Sono quasi cento le persone che stiamo screenando da ieri sera alle dieci".  "Alla famiglia sono già stati eseguiti i tamponi", ha concluso.