Quotidiano Nazionale logo
21 feb 2022

Case provvisorie per chi ha bisogno Polemiche sulle regole di accesso

L’assessore D’Amico: "Far recuperare autonomia sociale". Unione inquilini: "Criteri discutibili"

dilaura lana
Cronaca
L’assessore Claudio D’Amico e il rappresentante di Unione Inquilini. Marco De Guio
L’assessore Claudio D’Amico e il rappresentante di Unione Inquilini. Marco De Guio
L’assessore Claudio D’Amico e il rappresentante di Unione Inquilini. Marco De Guio

di Laura Lana I servizi abitativi transitori? Per accedere bisognerà essere valutati da un nucleo tecnico, composto ad esempio da assistenti sociali, aderire a un progetto per ritrovare l’autonomia e "superare" un certo punteggio assegnato appunto dalla commissione. L’amministrazione per i Sat, gli alloggi temporanei che rappresenteranno il 10% di ogni bando per le case popolari, ha preparato un regolamento che domani approderà in consiglio comunale. "Dopo aver messo in sicurezza il settore, ora possiamo applicare la possibilità, concessa dalla Regione, per assegnare case per un tempo determinato a persone che partecipino a un percorso per arrivare all’autonomia – spiega l’assessore alle Politiche abitative Claudio D’Amico -. In questi anni abbiamo dovuto ristabilire l’ordinarietà, vale a dire assegnazioni sulla base di graduatorie e non con criteri o modi non tracciabili e trasparenti". Per i sat bisognerà stare male, ma non malissimo. Essere in una condizione di difficoltà, ma non di fragilità estrema. "L’obiettivo è far recuperare l’autonomia sociale per ripartire, quindi la scelta è di inserire famiglie che possano avere successo e non chi ha fragilità più forti, perché per queste ultime gli strumenti saranno altri – sottolinea l’assessore ai Servizi sociali Roberta Pizzochera -. La valutazione sarà infatti su tutto il nucleo e riguarderanno anche le aspettative di adesione al programma di autonomia". Quattro gli assi portanti del regolamento: lavorativo, formazione, quadro attitudinale e connotativo. Il punteggio finale, secondo D’Amico e Pizzochera, consegnerà la foto della possibilità della famiglia di superare la situazione di bisogno. Priorità a chi ha già intrapreso dei percorsi, punteggi specifici per la presenza di minori con disabilità, i programmi sociali potranno durare dai 6 ai 36 mesi. "Questo non è uno step per avere una casa definitiva, ma un altro percorso. Chi è più bisognoso o chi non riuscirà a rientrare nell’assegnazione dell’alloggio temporaneo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?