Cadavere in casa, 62enne morto da 15 giorni

Cadavere in casa, 62enne morto da 15 giorni

Cadavere in casa, 62enne morto da 15 giorni

Sessantaduenne trovato morto in casa, lo stato di decomposizione in cui è stato trovato il cadavere porta a ipotizzare, secondo la polizia locale, che il decesso possa essere avvenuto da circa 15 giorni. L’uomo, residente a Milano, ma domiciliato a Cassano d’Adda, viveva da solo in un’abitazione a poco distanza dal centro città. A chiarire le cause della morte sarà l’autopsia decisa dal magistrato di turno che ha disposto, inoltre, anche il sequestro dell’appartamento in attesa di fare luce su quanto è accaduto. Il ritrovamento del corpo senza vita è avvenuto nella giornata di venerdì; a dare l’allarme percependo che qualcosa non andava è stato il fratello della vittima che abita in un’altra città. Preoccupato dalla mancanza di notizie che di solito era abituato a ricevere dal 62enne al telefono, si è quindi rivolto al comando di polizia locale. Gli agenti, coordinati dal commissario capo Vincenzo Valenti, giunti sul posto, dopo aver bussato più volte alla porta hanno scoperto che l’ingresso dell’appartamento era chiuso dall’interno. Immediata, quindi, la richiesta dell’intervento dei vigili del fuoco che, per entrare in casa, hanno forzato la porta finestra del balcone posto al secondo piano. Una volta entrati in casa la triste scoperta, l’uomo è stato trovato cadavere steso a terra vicino al letto. Si attendono ora i risultati dell’esame autoptico per le cause del decesso. S.D.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro