I protagonisti dell'iniziativa, quinto da sinistra il direttore de Il Giorno Sandro Neri
I protagonisti dell'iniziativa, quinto da sinistra il direttore de Il Giorno Sandro Neri

Milano, 12 giugno 2019 - Ieri mattina nella suggestiva cornice di Palazzo Bovara, sede di rappresentanza di Confcommercio, in una sala gremita di negozianti, istituzioni e appassionati, è stata presentata la guida che Il Giorno regala oggi in allegato: «Antichi negozi a Milano. La tradizione che guarda al futuro». Ad aprire la presentazione Alfredo Zini, che oltre ad essere titolare di uno dei ristoranti storici dell’Isola, Al Tronco, è coordinatore del Club delle Imprese Storiche di Confcommercio, organismo che sta acquisendo sempre più importanza a tutela dei commercianti con almeno 25 anni di attività continuativa e familiare. «Vorrei dare uno spunto all’amministrazione comunale – ha esordito Zini – suggerendo di consentire ai commercianti, soprattutto nelle periferie, di poter mettere un bel vaso di fiori sul marciapiedi di fronte alla vetrina o di allestire un bel dehor senza essere appesantiti dal costo dell’occupazione di suolo pubblico, perché la città può diventare più bella e vivibile se si consente alle imprese di prendersi cura del loro spazio».

L’assessore al Commercio Cristina Tajani ha risposto sottolineando come «l’amministrazione abbia già varato una delibera che attende solo le ultime conferme proprio nella direzione di semplificare e abbattere questi costi». L’assessore ha poi ricordato la mostra realizzata con Il Giorno in via Dante a febbraio e le precedenti edizioni della guida, auspicando che «in futuro il rapporto prosegua». La presentazione della guida è stata animata da reciproche promesse e proposte che hanno visto Il Giorno al centro di molteplici iniziative da sviluppare a tutela e valorizzazione delle botteghe storiche. «Siamo contenti di presentare ogni anno una nuova edizione della guida – ha assicurato il direttore del Giorno, Sandro Neri – e vogliamo dare ancora più spazio ai servizi per i cittadini sulle nostre pagine, stiamo studiando nuovi modi per aiutarli nel rapporto tra impresa e burocrazia». L’autore della guida e della rubrica settimanale dedicata ai negozi storici, Alberto Oliva, ha ringraziato gli sponsor, a cominciare da Autogrill, che anche quest’anno ha voluto essere presente con il Caffè Motta della Galleria Vittorio Emanuele, con cinque esercizi centenari: Gioielleria Cielo, Grimoldi, Mejana, Cadé e Ruggeri Abbigliamento. «Abbiamo voluto aprire questa edizione – ha spiegato Oliva – con un focus sulla Galleria, per sottolineare l’importanza che ha come salotto buono dei milanesi, senza perdere le sue insegne storiche. Nonostante possa in alcuni casi non essere la soluzione più conveniente per il Comune sotto l’aspetto economico, auspichiamo che venga rinnovato l’affitto alle imprese storiche autentiche in Galleria. Speriamo possano continuare ancora molto tempo a rendere speciale questo luogo, che deve essere unico e irripetibile, non abitato solo da multinazionali e grandi marchi identici a Milano come altrove». In sala, oltre a Marco Barbieri, segretario generale di Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza, molti titolari di botteghe storiche raccolte nella guida.