Barba, capelli e droga: parrucchiere arrestato

Barba e capelli erano una copertura ideale per lo spaccio di cocaina. Choc a Pioltello per l’arresto del parrucchiere dei...

Barba, capelli e droga: parrucchiere arrestato

Barba, capelli e droga: parrucchiere arrestato

Barba e capelli erano una copertura ideale per lo spaccio di cocaina. Choc a Pioltello per l’arresto del parrucchiere dei quartieri alti, in via Veronese, 55 anni, italiano, doppia vita, in negozio aveva 400 grammi di droga. Non il solito blitz dei carabinieri nella zona dello spaccio in città, piazza Garibaldi, stavolta è successo fuori dal giro. L’indagine è scattata dopo diverse segnalazioni, residenti insospettiti dal via vai, troppo anche per un coiffeur di successo, hanno soffiato alle orecchie degli investigatori tutti i loro dubbi.

E la macchina si è messa in moto, fino all’altro ieri sera, quando le manette sono scattate ai polsi dell’insospettabile pusher. Alla fine di una minuziosa perquisizione fra poltrone e lavatesta sono spuntati i quattro panetti di polvere bianca, un bilancino di precisione, tutto l’occorrente per la confezione delle dosi e la vendita al dettaglio, computer e sei telefoni cellulari, e altri dispositivi elettronici di dubbia provenienza.

L’inchiesta adesso si allarga ai clienti e al resto del giro, si cercano gli anelli di una rete che sembra ben organizzata, ordini, consegne e pagamenti e soprattutto identikit degli habitué che pare non escludano nessuna categoria, dagli operai agli studenti. Tutto al vaglio degli inquirenti. Il barbiere, senza precedenti, adesso è a San Vittore, in attesa di incontrare il giudice. A suo carico anche la denuncia per ricettazione.

Episodio lontano da piazza Garibaldi spesso al centro delle cronache proprio per lo smercio di stupefacenti con escalation che l’estate scorsa sfociò nel coprifuoco imposto dal Comune nel fine settimana ai negozi per evitare problemi di sicurezza.

Scelte con code polemiche dentro e fuori dall’aula.

Stavolta però la centrale della droga era proprio da tutt’altra parte.

Bar.Cal.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro