Auto a folle velocità si ribalta nel centro di Opera, "Gli autovelox? Sono scatole vuote"

Milano, la vettura è finita contro il marciapiede, coinvolte le macchine in sosta. Scoppia la polemica sugli impianti installati anni fa: "Se non è presente la polizia locale non funzionano"

L'auto ribaltata a Opera

L'auto ribaltata a Opera

Nessuno rispetta il limite di velocità nonostante la presenza degli autovelox e attraversare Opera diventa pericoloso. Un’auto sfreccia a folle velocità in pieno centro cittadino, finisce contro il cordolo del marciapiede e si ribalta distruggendo le macchine in sosta. È accaduto in via Diaz, una delle strade principali che portano al centro di Opera; un lungo rettilineo dove per impedire incidenti e garantire la sicurezza, anni fa sono stati installati alcuni autovelox. Peccato che non funzionino. L’altra notte si è sfiorata una tragedia, avrebbe potuto essere l’ennesima sulle strade del Sud Milano, ma solo per fortuna il conducente non ha provocato feriti. Anzi, nonostante l’auto si sia capovolta l’autista, un giovane della zona, è uscito illeso dall’abitacolo.

L’incidente è accaduto poco dopo l’alba e ha attirato diversi cittadini sul posto e sollevato numerose polemiche. Il conducente se l’è cavata con una pesante sanzione amministrativa ed è sarà sottoposto a controlli di routine. "È incredibile che ci siano gli autovelox da alcuni anni ma tutti sanno che sono scatole vuote, se non è presente la polizia locale che lì fa entrare in funzione. E vedere la polizia locale sul posto è un fatto raro - racconta Angela Sarracino, una residente della zona - questi autovelox non servono a nulla. Quelli che transitano li conosco bene e quindi procedono a velocità sostenute.

Rallentano solo quando è presente una pattuglia della polizia locale. Dispositivi inutili presenti nella zona ce ne sono altri come il semaforo rosso stop anti-pirata, che si trova poco più avanti all’altezza della frazione Dosso Cavallino lungo la provinciale 28 Vigentina. Sono stati installati da Città Metropolitana anni addietro. Sono due. Il primo si trova al confine tra Opera e Locate in direzione Pieve Emanuele e l’altro al confine tra Pieve Emanuele e Locate in direzione Opera. Si tratta di due impianti dove scatta il rosso solo se i mezzi vanno a una velocità superiore a 50 chilometri orari, ma non sono dotati di dispositivo per sanzionare i trasgressori. Per questo motivo sono in molti a passare col rosso come avviene, sapendo che non saranno multati proprio come chi non rispetta i limiti di velocità in presenza degli autovelox inutili di Opera. Il problema maggiore sulla Vigentina si presenta la sera o la notte complice l’assenza di traffico le auto sfrecciano a folle velocità.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro