Area B antidiesel, la trappola elettronica e l’80enne multato 61 volte in 50 giorni: "Seimila euro da pagare per un chilometro di strada"

Novate Milanese, Gianni Reggia ha dimenticato di rinnovare il permesso per la sua auto diesel: raffica di contravvenzioni. Ora il ricorso al Giudice di pace

Gianni Reggia ha accumulato 61 multe per ingresso non regolare in Area B

Gianni Reggia, l’86enne multato: la distanza percorsa è minima, forse un chilometro, ma sufficiente per aver dato il via a una serie di sanzioni: ad oggi circa 6mila euro

Novate Mianese (Milano) – Circa seimila euro di multa per l’area B. Da metà dicembre a inizio febbraio ha collezionato, per ora, sessantuno multe. È la storia dell’ottantaseienne novatese Gianni Reggia, che da 60 anni ha un’azienda in via Vialba, ora passata al figlio. Una macchina aziendale, una Citroen Ds3, è un diesel e grazie a un dispositivo anti inquinamento, rilasciato da officine autorizzate, può circolare.

A metà dicembre del 2023 é scaduto il permesso e Reggia si è dimenticato di rinnovarlo, continuando a circolare. La distanza tra via Vialba e la via Lessona di Milano è veramente minima, forse un chilometro, ma sufficiente per avere dato il via ad una serie di sanzioni. Ogni volta infatti che il novatese si è spostato in direzione Milano, il dispositivo di controllo dell’area B, registrava la sua targa, dando origine a una serie di contravvenzioni, che una volta notificate sono arrivate a partire dal mese di febbraio. Appena ricevuta la prima multa ha subito provveduto a rinnovare il dispositivo anti-inquinamento della sua auto, ma ormai tutti i passaggi verso Milano, dal 13 dicembre a fine gennaio sono stati registrati. Attualmente, si prevede ne riceverà altre, l’ammontare delle sanzioni ad oggi, sfiora i 6mila euro.

L’amministrazione comunale di Milano ha così risposto. "In questi casi, pur comprendendo la buona fede della persona, non c’è la possibilità di eliminare multe direttamente al cittadino. L’unica strada da percorrere è quella del giudice di pace, lui ha la facoltà di poter intervenire", spiegano dalla polizia locale del Comune di Milano. "Ho sbagliato io a non ricordarmi di rinnovare il permesso per transitare nell’area B. È però un peccato ricevere così tante multe con queste somme, da 89 euro in su. Capisco che tutto ormai è automatizzato, però avrei preferito una multa e un avviso, una informativa che mi avvertiva. Così invece per un mese e passa, fino al ricevimento della prima sanzione, ho accumulato una serie di multe. Ripeto, ho sbagliato, ma spero davvero di riuscire a fare valere la mia posizione, a 86 anni, seimila euro da pagare sono tanti", conclude Gianni Reggia.

Il cittadino ora proverà a fare ricorso, a chiedere un parere al giudice di pace, nella speranza di essere ascoltato e capire come sia possibile gestire la pratica.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro