Alberi caduti: sì a un Pgt senza consumo di suolo

Il Lambro minaccia esondazioni a Peschiera Borromeo. Europa Verde chiede interventi per contrastare il cambiamento climatico e garantire la sicurezza ambientale. Urgono nuove misure di governance e piani di emergenza.

Alberi caduti: sì a un Pgt senza consumo di suolo

Alberi caduti: sì a un Pgt senza consumo di suolo

Sull’onda delle piogge insistenti, il Lambro è diventato un sorvegliato speciale per il rischio di esondazioni e due grossi alberi sono caduti nel cortile della scuola di San Bovio. Gli episodi, che si sono verificati in settimana, in seguito alla perturbazione atlantica che ha interessato anche il Milanese, sono la riprova, a detta degli esponenti locali di Europa Verde, che anche sul territorio servono misure concrete per arginare il cambiamento climatico e salvaguardare l’ambiente. "La manutenzione del verde è un impegno che deve essere svolto con costanza e precisione. Purtroppo quello che si nota, negli ultimi anni, è una scarsa attenzione - dichiara Paola Baratelli -. Gli eventi climatici estremi sono una realtà, ormai. A periodi di totale assenza di precipitazioni, si affiancano momenti di grande intensità. Questo influisce sulla stabilità delle piante. Bisogna individuare chi voglia occuparsi in maniera meticolosa del patrimonio verde della città. E un’amministrazione saggia deve seguire passo passo l’attività del manutentore".

"Urge definire una nuova governance per la città di Peschiera Borromeo. Una governance che abbia una visione più ampia di conoscenza, pianificazione e controllo del territorio - aggiunge Christian Blundo (nella foto) -. Serve approvare un Pgt senza consumo di suolo, perché il nostro territorio non ha bisogno di essere ulteriormente ingessato, cementificato e impermeabilizzato. Inoltre, abbiamo bisogno un buon piano di emergenza comunale perché ormai dobbiamo convivere coi rischi metereologici".

A.Z.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro