Al Niguarda il primo trapianto a cuore fermo

MILANO «Il Sistema Regionale Trapianti ha raggiunto un altro importante traguardo. All’Osp...

"Il Sistema Regionale Trapianti ha raggiunto un altro importante traguardo. All’Ospedale Niguarda di Milano è stato trapiantato un cuore che aveva smesso di battere da 20 minuti". A darne annuncio è stato, ieri, l’assessorato regionale al Welfare in una nota. "Si tratta – si precisa – di una donazione definita a cuore fermo. Il prelievo ed il trapianto di cuore sono stati effettuati dall’équipe della Cardiochirurgia e del Trapianto del Cuore del Niguarda, diretta da Claudio Russo. Dall’uomo deceduto sono stati prelevati anche il fegato ed i reni, successivamente trapiantati in altre strutture della Rete Nazionale Trapianti. La donazione è avvenuta all’ospedale di Circolo di Varese dell’ASST Sette Laghi ed ha visto coinvolta l’equipe della Terapia Intensiva Generale e della Cardiorianimazione (che afferisce al dipartimento Cardiovascolare) dirette rispettivamente da Luca Cabrini e da Paolo Severgnini e il Coordinamento Ospedaliero di Procurement diretto da Federica De Min".

"Questo risultato – commenta l’assessore regionale al Welfare, Guido Bertolaso – consentirà di aumentare il numero dei potenziali donatori ed è stato possibile grazie alla capacità di tutti gli operatori coinvolti di agire in sinergia con professionalità e umanità per il bene dei malati. Ma soprattutto grazie alla solidarietà dei familiari del donatore, manifestata attraverso il gesto del dono, nel rispetto della volontà espressa in vita dal proprio caro. La donazione e il trapianto di organi e tessuti stanno crescendo in Lombardia grazie alle azioni di miglioramento adottate nelle strutture sanitarie".

Questa tipologia di donazione e trapianto è innovativa, in quanto il cuore viene fatto ripartire grazie a tecniche di circolazione extracorporea che vengono messe in atto dopo la morte in soggetti in cui i trattamenti intensivi vengono sospesi in seguito a neurolesioni gravissime. La normativa italiana prevede 20 minuti di assenza di attività cardiaca per la determinazione della morte del soggetto. Fino ad un anno fa questo tempo era ritenuto non compatibile con la ripresa dell’attività del cuore. Le procedure messe in atto in questo caso ne hanno consentito invece il trapianto e la ripresa funzionale. La complessa organizzazione del prelievo è stata gestita dal Responsabile del Programma Regionale di donazione organi e tessuti, Marco Sacchi, che grazie alla sinergia con AREU (Agenzie Regionale Emergenza Urgenza) è oggi in grado di rivestire un ruolo operativo a supporto dei processi di donazione compless. La valutazione di compatibilità dei possibili riceventi è stata gestita dalla Struttura Complessa Trapianti Lombardia-NITp diretta da Tullia De Feo che, dalla sede storica del Policlinico di Milano, garantisce la valutazione di idoneità e l’allocazione degli organi ai riceventi in comunicazione col Centro Nazionale Trapianti.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro