Acqua fuori dal museo del ’900: chiuso un ingresso

Pozze d’acqua a terra, transenne e nastri di plastica bianchi e rossi per invitare passanti e visitatori a stare alla...

Acqua fuori dal museo del ’900: chiuso un ingresso

Acqua fuori dal museo del ’900: chiuso un ingresso

Pozze d’acqua a terra, transenne e nastri di plastica bianchi e rossi per invitare passanti e visitatori a stare alla larga dall’ingresso principale del Museo del Novecento, che si trova nel Palazzo dell’Arengario in piazza Duomo. Il motivo? Infiltrazioni "esterne", spiegano dal Comune, che hanno creato disagi visto il ristagno di acqua in alcuni punti della pavimentazione sotto il porticato. Dopo le segnalazioni di ieri mattina sono intervenuti gli operatori del Nuir, Nucleo intervento rapido, che hanno provveduto a isolare le porzioni interessate. Off limits anche l’ingresso principale del museo: accesso per tutti da piazzetta Reale.

Stando a quanto emerso finora, l’acqua che colava ha reso impraticabile il passaggio esterno mentre tutto il resto è rimasto accessibile, museo compreso. Gli uffici del Comune aggiungono che è consuetudine consentire l’accesso da un lato solo anche per evitare dispersioni di calore.

Infiltrazioni e anche piogge di intonaco non sono una novità in piazza Duomo. Succede anche dall’altro lato, in quello dei portici settentrionali. È di due giorni fa una determinazione dirigenziale dell’Area Edilizia demaniale in cui si scrive che "a causa di una infiltrazione da vecchie tubazioni metalliche, nonché dalla “Terrazza Duomo 21”, vi è stato un distacco di porzioni del soffitto decorativo dei portici settentrionali di piazza Duomo in prossimità del Bar Campari". Quindi "è necessario effettuare approfondite indagini per “fotografare” l’esatto stato di fatto, cui seguirà l’integrazione plastica delle parti mancanti". Il servizio è già stato affidato a un operatore, per un importo di 39.800 euro.

M.V.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro