Milano, 16 giugno 2021 - Ucciso in strada a pochi metri dalla sua auto, forse durante una lite dalla moglie trovata ferita a un chilometro dal mezzo.  La donna che è stata arrestata, presentava una ferita a una mano e aveva i vestiti macchiati di sangue.

L'omicidio è avvenuto verso le 14.15 in via Amantea, all'angolo con via Quinto Romano nella periferia ovest della città. La vittima è Roberto Iannello, 55 anni, trovato dai carabinieri agonizzante a vicino alla sua Seat Marbela con ferite da taglio. L'uomo è stato trasportato all'Ospedale San Carlo, dove è morto. La vittima è di Milano: incensurato, faceva il commesso in un supermercato.

La prima ricostruzione

Secondo la prima ricostruzione l'uomo avrebbe estratto un coletello da cucina ma la donna sarebbe risuscita a strapparglielo e a colpirlo, almeno quattro volte, due, letali, alla gola. I testimoni hanno raccontato che l'uomo è anche uscito dall'auto, cercando di inseguire la moglie ma è stramazzato al suolo, dove i soccorritori l'hanno trovato agonizzante, all'angolo tra via Amantea e via Quinto Romano. Qualcuno racconta invece di un clacson che suonava ininterrottamente, quasi che il ferito stesse cercando di chiedere aiuto.  La moglie, con una profonda ferita alla mano, è stata trovata dai carabinieri ad alcune centinaia di metri dal luogo del ferimento mortale. Gli abiti sporchi di sangue. È stata portata prima all'ospedale Fatebenefratelli, per essere medicata, poi in caserma, per cercare di avere le prime dichiarazioni. che sembra, però, non siano arrivate. È stata quindi accompagnata in procura nel tardo pomeriggio per essere interrogata dal pm di turno e per raccontare nel dettaglio la situazione nella quale è maturata quella tragedia. C'è anche l'ipotesi che tra i due si stesse discutendo di una separazione dopo gli ultimi tempi burrascosi della loro unione.

Il silenzio della moglie

Si è avvalsa dalla facoltà di non rispondere davanti al pm la donna accusata di aver ucciso a coltellate il marito nel corso di un litigio alla periferia di Milano. Vittima Roberto Iannello, 55 anni, cassiere di un supermercato, colpito da quattro coltellate alla gola, due delle quali letali. La donna è arrestata per omicidio aggravato perché commesso ai danni del coniuge.