Previsioni meteo in Lombardia, neve e freddo in arrivo? Con il ciclone dell’Epifania cambia tutto

Domina ancora l’alta pressione, ma non è destinata a durare. Il maltempo è in agguato: ecco dove e quando

Neve e freddo (Foto Fornasari)
Neve e freddo (Foto Fornasari)

Milano, 3 gennaio 2024 – Un inizio di anno stabile con alta pressione e temperature 7-8 gradi superiori alle medie del periodo, su gran parte d’Italia. La situazione resterà così per altri due o tre giorni, ma poi cambierà: un brusco peggioramento è previsto per l’Epifania, sabato 6 gennaio. Ma vediamo tutto nei dettagli.

Caldo anomalo

Da oggi, mercoledì 3, a venerdì 5 gennaio, dominerà l’alta pressione, disturbata solo localmente da umide e tiepide correnti di Libeccio: il tempo sarà in prevalenza soleggiato salvo isolate piogge sul versante tirrenico.

Gli esperti de ilMeteo.it confermano così l'anomalia positiva delle temperature, in parole semplici lo scarto positivo dei valori rispetto alle medie di gennaio: a Milano la massima, in questo periodo dell'anno, dovrebbe essere intorno ai 4-5 gradi invece, anche per la giornata di oggi, si prevedono 10-11°C; va detto, poi, che la Val Padana, a causa delle nubi basse e delle nebbie presenti, è la zona meno 'calda’, infatti il vero clima mite, quasi primaverile, si registra al Centro-Sud. Il caldo anomalo prosegue anche in montagna, con zero termico oltre i 2800 metri al Nord e fino a 3700 metri al Sud. 

Il ciclone della Befana

Ma nel fine settimana, il Ciclone della Befana potrebbe portare a una svolta. Stando sempre agli esperti de ilMeteo.it, già da venerdì 5 gennaio, con un pò di anticipo, il maltempo diventerà  protagonista con forti fenomeni al Nord e parte del Centro, poi si estenderà anche al Sud. Le temperature minime resteranno miti, mentre le massime (a causa del maltempo) scenderanno sensibilmente.

Una violenta bassa pressione, in discesa dal Nord Atlantico, porterà piogge forti su Liguria e Alta Toscana, in seguito anche sul resto del Nord con tanta neve sulle Alpi fino a quote collinari. Durante i fenomeni più intensi saranno possibili fiocchi bianchi anche sulle pianure meridionali del Piemonte.

Irruzione artica dopo l’Epifania

Dopo l’Epifania, sempre stando agli esperti de ilMeteo.it, ci sarà una graduale irruzione di correnti artiche, responsabili anche di venti molto sostenuti a rotazione ciclonica intorno allo Stivale.  Si registrerà quindi un crollo delle minime ed un'ulteriore flessione delle massime. La settimana 8-14 gennaio vedrà, per la prima volta, il vero Inverno su tutto il Continente Europeo: in Italia potremo registrare anche qualche nevicata a quote di bassa collina sulle regioni centrali.

La mappa della Lombardia