Quotidiano Nazionale logo
17 feb 2022

Cisterna a fuoco sull’Autosole: gravi ustioni per il conducente

Tecnici e pompieri hanno lavorato tutta la notte per consentire la riapertura in sicurezza

paola arensi
Cronaca
Il camion trasportava 28mila litri di liquidi infiammabili Quando si è ribaltato dagli sfiati si è scatenato l’inferno
Il tir ribaltato e incendiato sull'Autosole

Borgo San Giovanni (Lodi) - Presenta ustioni di secondo grado a mani, gambe e schiena il conducente del Tir che si è scontrato contro un new jersey autostradale, si è ribaltato e incendiato.

Si tratta del romeno 47enne F.V.. Il suo camion, che trasportava 28mila litri di liquido infiammabile, mercoledì all’alba è diventato una palla di fuoco. La parte di liquido uscita dagli sfiati della cisterna ha scatenato l’inferno, gli altri 14mila litri sono stati travasati, ore dopo, dal Nucleo batteriologico chimico radiologico dei pompieri, su un altro camion. I due elisoccorso, in partenza da Sondrio e da Como, non hanno potuto atterrare per le condizioni di visibilità. L’uomo è stato quindi trasportato in codice giallo dalla Croce bianca di Sant’Angelo, con automedica al seguito, al Centro grandi ustionati di Niguarda e ora si trova ricoverato.

Intanto Società autostrade ha riasfaltato il tratto dell’Autostrada del sole. L’impatto e il rogo, avvenuti al chilometro 22 più 300, all’altezza di Borgo San Giovanni, in direzione Nord, hanno infatti danneggiato la sede stradale. La corsia Sud, coinvolta solo in parte, è stata riaperta nel tardo pomeriggio di mercoledì. Le auto intrappolate in 8 chilometri di coda sono state fatte lentamente defluire nell’arco della giornata. La Protezione civile, attivata dalla Prefettura di Lodi, ha portato acqua e bevande calde. Generi di prima necessità, utili a sopportare l’attesa di ore al freddo.

Alle 5.30 di ieri , infine, sull’A1 è stato riaperto il tratto compreso tra l’allacciamento con l’A21 e con la A58 Teem, in direzione di Milano, chiuso dalla mattinata. A seguire è stato aperto tutto il tratto lodigiano. Alla riapertura hanno lavorato incessantemente, per tutta la notte tra mercoledì e ieri, le squadre della Direzione 2 Tronco di Milano di Autostrade per l’Italia.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?