Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
27 apr 2022

Frecciarossa deragliato a Lodi, le ultime parole: "Scambio in posizione normale"

La relazione finale della commissione d’inchiesta sull'incidente che provocò due morti e trenta feriti: ecco tutte le cause

27 apr 2022
guido bandera
Cronaca
Sopra, i vigili del fuoco sul treno distrutto A sinistra i cavi invertiti nel meccanismo dello scambio nell’imagine della relazione In alto, il binario spezzato
I vigili del fuoco sul treno distrutto
Sopra, i vigili del fuoco sul treno distrutto A sinistra i cavi invertiti nel meccanismo dello scambio nell’imagine della relazione In alto, il binario spezzato
I vigili del fuoco sul treno distrutto

Livraga (Lodi) - "Allora lo lasciamo senza alimentazione e in posizione normale. E facciamo un fonogramma: deviatoio 5 inibito alla manovra, da usarsi solo per il corretto tracciato". E invece di corretto il tracciato non ha nulla e un treno si schianterà di lì a poco, con due morti e trenta feriti. Sono le 4.35 del 6 febbraio 2020. Campagna lodigiana, Livraga. Sulle rotaie dell’Alta velocità si sta ancora lavorando sotto la luce delle lampade. I manutentori di Rete ferroviaria italiana hanno appena finito un intervento al bivio sulla Milano-Bologna. Le conversazioni con la centrale sono registrate. E le riportano fedelmente i tre ingegneri della commissione di indagine del ministero delle Infrastrutture che hanno da poco consegnato la loro relazione, con precise indicazioni sulle cause dell’incidente, mentre la magistratura procede parallelamente con l’indagine già chiusa e approdata a 14 richieste di processo. Manca esattamente un’ora al momento in cui di lì passerà il primo convoglio del mattino, il Frecciarossa 9595, partito da Milano. Il deviatoio 5, appena rimesso a nuovo, ha problemi. Quando scatta l’impulso per spostare l’ago che serve a cambiare percorso sembra paralizzato. Né la centrale, né i tecnici sul posto immaginano che nella scatola dei contatti fornita dalla fabbrica Alstom due cablaggi, il 16 e il 18, siano invertiti. Quando lo scambio risulta in modalità normale, in realtà è deviato. E quando provano a deviarlo, non funziona, perché è già in posizione. Si decide di lasciarlo in direzione di marcia, per fare transitare il treno, di disabilitarlo alla manovra, per tornare a vederci chiaro in seguito. L’avviso parte col fonogramma. Ma un’ora dopo il convoglio arriva a Livraga a 298 chilometri orari (lo certifica la relazione): locomotore e carrozze si sparpagliano come i pezzi di un trenino giocattolo. Muoiono i macchinisti, Giuseppe Cicciù, di Cologno Monzese, e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?