A pagare in casi come questo sono sempre anche i ragazzi
A pagare in casi come questo sono sempre anche i ragazzi

Lodi, 7 dicembre 2019 - Il Consiglio dell’ordine degli assistenti sociali della Lombardia ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti di due assistenti sociali di Lodi, coinvolti nella vicenda di una coppia lodigiana, composta da due 50enni, che dal 2017 hanno perso la custodia dei tre figli adottivi per presunte violenze denunciate, ma poi risultate non vere. Malgrado la sentenza del 24 settembre del gip di Lodi che ha dichiarato «il non luogo a procedere perché il fatto non sussiste», i genitori adottivi non sono ancora riusciti a riprendere normali rapporti con i tre ragazzi.

Il provvedimento era scattato nei confronti della madre adottiva, accusata ingiustamente di aver picchiato il coniuge e i tre figli adottivi, due femmine di 14 e 16 anni e un maschio di 18, originari del Centro America, accolti nella sua casa a Lodi. «Il nostro inferno è partito da valutazioni sbagliate da parte degli assistenti sociali - spiega la coppia -. Quella relazione che ci ha allontanato per sempre i ragazzi, è sbagliata. Bisogna ripristinare i diritti dei ragazzi e i nostri come genitori adottivi, ma a distanza di due mesi dalla sentenza non è ancora cambiato nulla. Intanto i nostri figli vivono in uno stato disastroso, mal gestiti e in mano a dei servizi sociali che finora non hanno dimostrato di volere il loro bene».