Alessandro Rubino coordinatore del Corso per medici di famiglia

Alessandro Rubino coordinatore  del Corso per medici di famiglia
Alessandro Rubino coordinatore del Corso per medici di famiglia

Sarà il coordinatore didattico del Corso di formazione specifica in Medicina generale per la Lombardia, che si svolgerà in 19 sedi e sarà frequentato da 1.250 iscritti. Un incarico di prestigio quello ottenuto dal dottor Alessandro Rubino, 33 anni, vigevanese, “figlio d’arte“ con il padre Giorgio presidente dell’Associazione dei medici di famiglia di Vigevano e Lomellina. Il Corso post-laurea, che deve seguire chi vuole intraprendere la professione di medico di base, si articola su 1.600 ore di lezioni teoriche e 3.200 di tirocinio.

Rubino, il cui incarico sarà triennale, è stato scelto tra i 72 colleghi che hanno partecipato all’avviso di Polis Lombardia, l’ente regionale che gestisce il Corso attraverso l’Accademia di formazione per il servizio socio-sanitario della Lombardia. Come coordinatore didattico Rubino lavorerà a contatto con il dottor Alberto Betti, coordinatore ospedaliero e primario di Medicina a Bergamo. Saranno loro a mettere a punto il piano didattico, il Corso è equiparato a una scuola di specializzazione universitaria.

Ai partecipanti viene riconosciuta una borsa di studio di poco più di 11mila euro lordi l’anno ma potranno contare sul “tirocinio professionalizzante“ vale a dire la possibilità, mentre seguono le lezioni, di iniziare a svolgere l’attività con un numero di pazienti che non superi i mille. L’attenzione posta sulla figura del medico di famiglia è legata alla crescente carenza di questa figura: in Lombardia i posti scoperti sono 1.272, dei quali 25 solo in Lomellina. Il polo formativo di Pavia conta 25 frequentanti su una disponibilità massima di 30 posti. "Gli effetti di questo piano – commenta Rubino – non saranno visibili in concreto che tra qualche anno".

U.Z.