Quotidiano Nazionale logo
3 mar 2022

Rapine nei supermercati, stessa mano a Rescaldina e San Vittore?

In entrambi i casi il malvivente ha agito col volto coperto e minacciato il personale con un’arma giocattolo

christian sormani
Cronaca
I carabinieri sono impegnati nel risalire all’autore della doppia rapina
Carabinieri

Due rapine analoghe nello stesso giorno ai danni di supermercati di zona. Potrebbe essere il medesimo rapinatore quello che ha agito nella giornata di mercoledì prima all’Md di San Vittore Olona e in serata all’Eurospin di Rescaldina.

La prima rapina è avvenuta attorno alle 16, col malvivente che si è presentato all’interno del supermercato di via Piave-Sempione a San Vittore Olona come un normale cliente. Poi arrivato alla cassa ha minacciato la cassiera chiedendo con insistenza i soldi brandendo un’arma, forse una pistola giocattolo. La cassiera non si è persa d’animo e ha tergiversato, spazientendo l’uomo che è poi scappato dopo non aver ricevuto alcunchè. Vedendo il tempo che passava inesorabile, l’uomo per paura di essere braccato dalle forze dell’ordine è fuggito di corsa facendo perdere le proprie tracce. Dopo qualche minuto sono immediatamente arrivati i carabinieri della stazione di Cerro Maggiore che hanno pattugliato la zona alla ricerca del rapinatore solitario, che però era già scappato senza lasciare tracce. L’uomo aveva indosso una mascherina che ne copriva il volto, ma sarebbe stato giovane di età.

Lo stesso uomo potrebbe essere il rapinatore che ha invece messo a segno questa volta la rapina sempre di mercoledì sera a Rescaldina. Il giovane, con mascherina in viso e cappuccio della felpa sulla testa, è entrato poco prima delle 20 all’Eurospin di via Gramsci a Rescaldina brandendo un’arma, probabilmente una pistola giocattolo. Poi ha minacciato le cassiere, dirigendosi verso una in particolare e facendosi consegnare diversi biglietti da 50 e 100 euro per poi scappare di corsa. In totale l’uomo ha rubato 800 euro e si è dileguato.

Adesso tocca ai carabinieri di Legnano risalire all’identità del rapinatore, probabilmente un tossico che ha agito per rubare qualche centinaio di euro rischiando di essere preso. I carabinieri verificheranno adesso le telecamere interne alla ricerca di indizi e soprattutto per capire se la persona sia la medesima entrata in azione di pomeriggio lungo il Sempione a San Vittore Olona in un luogo trafficato e pieno di gente. Lo scorso novembre un rapinatore era entrato armato la domenica pomeriggio al Lidl di Canegrate, con un casco in testa ed una pistola probabilmente giocattolo, facendo irruzione nel supermercato di via Fratelli Bandiera. L’uomo si era fatto consegnare tutti i contanti, circa 3.900 euro ed è poi fuggito, salendo questa volta sullo scooter di un complice. Le indagini che sono proseguite per mesi non hanno portato all’arresto del rapinatore e del complice.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?