Due vecchi ospedali da dismettere. In arrivo i masterplan strategici

Sottoscritto da Asst Valle Olona con Arexpo l’accordo quadro per rigenerazione urbana e valorizzazione delle sedi degli attuali nosocomi di Busto Arsizio e di Gallarate in vista del futuro polo sanitario unico.

Due vecchi ospedali da dismettere. In arrivo i masterplan strategici

Due vecchi ospedali da dismettere. In arrivo i masterplan strategici

Sottoscritto da Asst Valle Olona con Arexpo l’accordo quadro per la rigenerazione urbana e valorizzazione delle sedi degli attuali ospedali di Busto Arsizio e di Gallarate. L’attività comprende studio, disamina urbanistica, ambientale, edilizia ed economica in funzione della valorizzazione e rigenerazione delle due aree, una volta che sarà pronto il nuovo polo sanitario unico che sorgerà nel rione di Beata Giuliana a Busto Arsizio, che dovrebbe essere operativo entro il 2030. Oggetto dello studio, valore 140mila euro, complessivamente oltre 150mila mq, di cui 100 mila mq in via Arnaldo da Brescia a Busto Arsizio, 56mila mq a Gallarate.

Gli atti sono stati sottoscritti la scorsa settimana, pertanto Arexpo, la società che ha ridisegnato l’area di Expo 2015, affiancherà Asst Valle Olona per la stesura dei due masterplan strategici, uno per ciascun ospedale in dismissione, con le indicazioni dei contenuti tecnici essenziali. Secondo le planimetrie allegate all’accordo a Gallarate l’area interessata dalla dismissione e futura rigenerazione urbana è pari a 40mila metri quadrati, pertanto non include il nucleo storico del presidio, il padiglione Boito, che ASST Valle Olona intende riqualificare, mentre a Busto Arsizio l’area che sarà dismessa è pari a 80 mila mq. La società ha dodici mesi di tempo per lavorare allo studio che definirà il futuro degli attuali ospedali.

Contro il nuovo ospedale unico si è sempre espresso il Comitato per il Diritto alla salute del Varesotto che un mese fa con Medicina Democratica ha depositato un ricorso al Presidente della Repubblica: "A bbiamo deciso questa iniziativa per salvaguardare i presidi ospedalieri di Gallarate e Busto Arsizio e fermare lo spreco di denaro pubblico, nello studio di fattibilità era stato dimostrato che l’ammodernamento dei due presidi rispetto al loro abbandono e dismissione in favore dell’ospedale unico a Beata Giuliana è possibile, con un costo minore per le casse pubbliche: 284 milioni per la ristrutturazione dei due ospedali, oltre 440 milioni per l’ospedale unico". I promotori hanno avviato la raccolta fondi per sostenere le spese legali. Il Comitato il ì 5 aprile alle 21 illustrerà il ricorso nell’incontro a Samarate alle 21 al Circolo unione cooperativa.