Sui treni puntuali solo i disservizi. I pendolari incontrano i sindaci

I rappresentanti dei pendolari chiamano a raccolta i sindaci del Meratese e i passeggeri dei treni che viaggiano sule linee...

Sui treni puntuali solo i disservizi. I pendolari incontrano i sindaci
Sui treni puntuali solo i disservizi. I pendolari incontrano i sindaci

I rappresentanti dei pendolari chiamano a raccolta i sindaci del Meratese e i passeggeri dei treni che viaggiano sule linee che incrociano in provincia di Lecco, dopo il disastro dello scorso novembre, quando su 5 direttrici su 6 non sono stati rispettati i parametri minimi di puntualità.

"Nei prossimi giorni prenderò contatto con Fabio Vergani, primo cittadino di Imbersago, che è il presidente della Conferenza dei sindaci del Meratese, e con Gennaro Toto di Cernusco Lombardone, suo vice, per discutere con loro dei problemi del trasporto pubblico locale e per organizzare degli incontri con i viaggiatori", annuncia Francesco Ninno (foto), portavoce del Comitato dei pendolari del Meratese e rappresentante dei viaggiatori lombardi. La situazione non è per nulla confortante per le 80 mila persone che quotidianamente salgono in carrozza su convogli che passano dalla provincia di Lecco per andare al lavoro, a scuola, all’università, per tornare a casa o per altri motivi. Sulla linea S8 Milano – Lecco via Carnate, i nuovi Caravaggio si stanno rompendo troppo spesso e molte volte viaggiano in composizione singola anziché doppia, con pochi posti disponibili a bordo.

Sulle molte tratte del regionale Milano – Lecco – Sondrio – Milano il servizio viene garantito con autobus sostitutivi al posto dei treni. La Milano – Bergamo via Carnate e la Lecco – Bergamo saranno chiuse per 2 anni tra Ponte San Pietro e Bergamo. I disservizi sulla Como–Lecco sono pressoché quotidiani. "Abbiamo l’impressione che non sappiano più che pesci pigliare", constata Francesco Ninno, insieme ai pendolari che ogni giorno non sanno né quando né se potranno arrivare a destinazione. D.D.S.