Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Il lungolago sarà intitolato a Pischedda

Lecco, il tratto in riva al Lario a Colico ricorderà il poliziotto della Polstrada di Bellano morto mentre cercava di bloccare un ladro

daniele de salvo
Cronaca
Un momento della cerimonia a Lecco: sul palco il questore D’Agostino con i premiati
Un momento della cerimonia a Lecco: sul palco il questore D’Agostino con i premiati
Un momento della cerimonia a Lecco: sul palco il questore D’Agostino con i premiati

di Daniele De Salvo

Il lungolago di Colico verrà intitolato a Francesco Pischedda, l’agente della Stradale di Bellano morto ad appena 28 anni nella notte di venerdì 3 febbraio, dopo essere precipitato da un cavalcavia della Super a Piona per bloccare un ladro d’auto della sua stessa età, che invece è sopravvissuto e non verrà mai processato.

Lo ha annunciato ieri il questore di Lecco, Alfredo D’Agostino, durante la festa del 170esimo anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

Ad ascoltarlo, tra i tanti ospiti, anche mamma Diana e papà Giovanni, i genitori del poliziotto medaglia d’oro postuma al valor civile.

"A loro il particolare abbraccio dalla grande famiglia della Polizia di Stato", li ha salutati con affetto il questore.

Durante la cerimonia, di nuovo pubblica dopo 24 mesi di pandemia, sono stati premiati pure altri poliziotti: un encomio è andato all’ispettore Andrea Rados che ha coordinato le indagini che hanno portato all’arresto di 14 spacciatori, un encomio al vice ispettore Emilio De Gregorio e all’assistente capo Andrea Fantinato che hanno partecipato ad una operazione durante la quale è stato sequestrato mezzo chilo di droga e sono state denunciate 35 persone e una lode all’assistente capo Gennaro Commone che ha arrestato un ladro seriale.

La ricorrenza è stata anche l’occasione per un bilancio della situazione della sicurezza in provincia e del lavoro svolto dai poliziotti.

Nel 2021 sono stati denunciati 64 rapine, 47 estorsioni, 8 sequestri di persone, 1980 truffe e frodi informatiche, 1 caso di sfruttamento della prostituzione minorile e 1.502 danneggiamenti.

Rispetto al 2020 i reati sono aumentati mediamente del 10%, i furti del 5%, le truffe e le frodi online del 35%. Complessivamente da agenti di questura, Stradale e Polfer sono state arrestate 54 persone, 759 sono state denunciate a piede libero e quasi 52mila sono state identificate, mentre i veicoli controllati sono stati più di 21mila.

I numeri sono simili a quelli del 2020, tranne le denunce che sono state il 20% in meno. Sono stati sequestrati quasi 5 chili di droga tra cocaina, eroina, marijuana, hashish e pasticche di ecstasy. Gli avvisi orali del questore sono stati 60, mentre 25 i fogli di via obbligatori, 6 gli ammonimenti per stalking, 19 i daspi urbani e 14 le sorveglianze speciali.

Parecchie pure le pratiche burocratiche con oltre 300 rinnovi e rilasci di porto d’armi da caccia e 400 per tiro a volo, mentre a una trentina di doppiette sono state revocate. Sono stati inoltre quasi 6.500 i passaporti rilasciati e 8mila i permessi di soggiorno.

"Nello Stato democratico noi poliziotti siamo al servizio dei cittadini - ha detto ancora il questore D’Agostino nel suo intervento –. Siamo rigorosi nei controlli e nel far rispettare le leggi, ma sempre con senso di umanità e di empatia".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?