Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
31 mag 2022

Ecco perché i giovani non vogliono più fare i camerieri. E non dipende solo dagli stipendi

Il business coach Antonio Panìco analizza le aspettative e i desideri dei nativi digitali: tempo e autonomia fanno la differenza

31 mag 2022
fabio lombardi
Economia
featured image
Antonio Panico
featured image
Antonio Panico

La pandemia e l’attuale crisi geopolitica hanno accelerato un processo già in atto da diverso tempo e che vede i giovani, in particolare i nativi digitali, essere sempre meno disposti a lavorare per pochi soldi.  “Gli stessi modelli lavorativi di riferimento sono notevolmente cambiati nel tempo. Quando i quarantenni di oggi erano ragazzi pensavano all’avvocato, al notaio, al medico o al commercialista come figure professionali che potessero garantire un tenore di vita benestante. Oggi i riferimenti sono altri: influencer, networker, le professioni legate al mondo del videogaming, che garantiscono entrate economiche molto alte, con un impegno di tempo ridotto e senza la necessità di titoli di studio universitari” afferma il business coach Antonio Panìco, che ha affiancato oltre un centinaio di aziende nella loro riorganizzazione interna, ascoltando le esigenze di imprenditori e lavoratori.  “Oggi la gavetta a 800 euro al mese, per poi ambire a un moderato aumento di stipendio, per lavorare 9 ore al giorno in ufficio non sono più visti di buon occhio, ma non significa che i ragazzi siano dei lavativi, o poco disposti a lavorare e apprendere. Così come non è corretto addossare tutta la responsabilità sugli imprenditori, definendoli tiranni. Sono semplicemente cambiati i punti di riferimento e stiamo pagando il prezzo di un sistema lavoro troppo costoso, che non permette ai dipendenti di essere pagati in modo soddisfacente, anche alla luce di un’inflazione galoppante”, prosegue il business coach.  La ricerca “The Born Digital Effect”, condotta da Coleman Parks Research e Oxford Analytica, analizzando le risposte di 1000 leader d’azienda e 2.000 lavoratori, racconta uno spaccato che deve far riflettere le aziende. Il 58% dei leader d’azienda pensa ancora che i lavoratori più giovani preferiscano lavorare in ufficio. Al contrario, il 90% dei nativi digitali auspica un modello di lavoro ibrido se non completamente da remoto. In particolare, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?