Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 apr 2022

Libretti e buoni fruttiferi postali: mercati pazzi, vince il garantito

Il 44% dei lombardi sceglie ancora il risparmio sicuro. Record a Lecco con l’85%, poi Varese e Como

13 apr 2022
Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane
Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane
Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane
Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane

Milano - Libretti di risparmio e buoni fruttiferi sono ancora le forme di risparmio preferite dai lombardi. Secondo Poste Italiane, il 44% dei cittadini sceglie le soluzioni tradizionali di investimento. Uno su tre nella regione ha un libretto di risparmio: 3 milioni in tutto. I buoni fruttiferi postali sottoscritti sono invece oltre 5,7 milioni: il 60% della popolazione regionale ne ha uno.

Lecco è la prima provincia in rapporto al numero di abitanti (85%) a scegliere il risparmio tradizionale. Al secondo posto Varese (64%) seguita da Como (63%) e Sondrio (52%). "Il Risparmio Postale – ha ricordato Matteo Del Fante, amministratore delegato di Poste Italiane – rappresenta la più stabile fonte di finanziamento retail della spesa pubblica ed è il prodotto di risparmio preferito dagli italiani. Siamo orgogliosi di continuare a fornire tale servizio di interesse economico generale, confermando ancora il nostro ruolo di pilastro strategico per l’Italia". In un periodo in cui i mercati sono altalenanti, influenzati da fattori come la guerra tra Russia e Ucraina e l’andamento della pandemia, i risparmiatori lombardi preferiscono forme di investimenti stabili e sicure, garantite dallo Stato, e facilmente gestibili tramite il sito internet www.poste.it o l’app BancoPosta.

Accanto all’online, resta la rete di uffici postali: sono 1.870 in Lombardia nei 1.500 Comuni della regione di cui la maggior parte - 1.036 - presenti nei piccoli centri, con meno di 5mila abitanti. Nell’ultimo anno (gennaio 2021-febbraio 2022) la raccolta attraverso i prodotti di risparmio postale è cresciuta di quasi il 3%. Tra gli uffici postali dei capoluoghi della Lombardia, quella di Pavia Centro è la sede che ha aperto più libretti di risparmio nel 2021. In provincia il miglior risultato è stato raggiunto a Selvino e a Costa di Mezzate, nella Bergamasca.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?