Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
10 mag 2022

Dipendenti pubblici, rinnovato il contratto: aumenti, arretrati, a chi spettano e quando

Dopo il via libera della Corte dei Conti, sindacati e Aran hanno firmato definitamente l'accordo già raggiunto lo scorso dicembre

10 mag 2022
featured image
Il Contratto dei pubblico impiego
featured image
Il Contratto dei pubblico impiego

Rinnovato il conttratto dei dipendenti pubblici di ministeri, agenzie fiscali ed enti non economici, fra cui Inps ed Inail.

La firma

Dopo il via libera della Corte dei conti, l'Aran (l'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle Pubbliche amministrazioni) ed i sindacati hanno firmato definitivamente l'accordo per il comparto Funzioni centrali, la cui pre-intesa era stata siglata il 21 dicembre scorso.

Gli aumenti

In arrivo, quindi, gli aumenti previsti: si tratta di 105 euro medi per 13 mesi, cui si aggiunge un beneficio pari ad altri 20 euro medi mensili (quest'ultimo grazie alle risorse aggiuntive, stanziate nella legge di Bilancio per il 2022, per finanziare il nuovo ordinamento professionale e il superamento dei limiti all'incremento dei Fondi risorse decentrate). L'aumento contrattuale sale fino a 117 euro lordi per la fascia degli assistenti amministrativi.

Il periodo

Il contratto riguarda il triennio 2019-2021 e pertanto riconosce anche gli arretrati medi, pari a circa 1.800 euro, come calcolato dalla stessa Aran. Ad essere interessati sono 225mila statali.

Quando in busta paga?

L'ipotesi sul tappeto è che gli aumenti e anche gli arretrati possano arrivare in busta paga a giugno, anche se si era pensato una anticipazione straordinaria già a maggio sulla quale però c'è ancora incertezza.

Il commento di Brunetta

Aumenti e arretrati in arrivo rappresentano "una boccata d'ossigeno per i lavoratori, in un momento caratterizzato da un generalizzato aumento dei prezzi", sottolinea il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta.

Nuovi inquadramenti

Oltre che sul piano economico, diverse sono le novità anche a livello normativo, a partire dallo sblocco delle carriere. L'accordo punta sulla formazione e introduce una quarta area, ossia «l'area delle elevate professionalità» in cui saranno inquadrati i dipendenti altamente qualificati, che si affianca alle altre tre aree professionali (Area degli operatori, Area degli assistenti, Area dei funzionari).

Lavoro agile

C'è anche la regolazione del lavoro agile, con il richiamo alla contrattazione e all'accordo individuale che preveda la durata e l'indicazione delle giornate da svolgere all'interno e al di fuori della sede di lavoro, i tempi di riposo e di disconnessione del lavoratore.

I sindacati

Soddisfatti i sindacati che parlano di accordo «innovativo» e puntano ora a chiudere anche gli altri contratti pubblici e a portare avanti la valorizzazione del personale. «La rivoluzione del lavoro pubblico è in corso», sottolinea Brunetta: «Adesso avanti, con la stessa determinazione, per chiudere i contratti della sanità e degli enti locali», aggiunge parlando di questo contratto come «apripista» per tutti gli altri della Pa.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?