Box e posti in auto, in città i prezzi continuano a salire: quanto si può arrivare a spendere

A Milano le quotazioni più alte ma sono Bergamo e Brescia a guidare la classifica dei rincari. A Mantova e Cremona trend inverso

L'andamento del mercato di box e posti auto

L'andamento del mercato di box e posti auto

Che il bene rifugio non stia diventando il box e non più la casa? Verrebbe da pensarlo consultando l’andamento dei prezzi di garage e posti auto nelle grande città: un trend in costante crescita e destinato ancora a salire. Per quale motivo?  Se non è rifugio del patrimonio economico dalle bizze dei mercati finanziari, il box lo è di sicuro da quelle del clima: i sempre più frequenti nubifragi estivi con grandine, esondazioni e alberi crollati “costringeranno” chi acquista un’auto nuova a comprare o affittare anche un garage. Lasciarla parcheggiata in strada può risultare un rischio costosissimo. Sempre ammesso che un posteggio lo si trovi: perché nelle grandi città il problema è proprio quello, una volta solo in centro, ora anche in periferia dove le strisce blu a pagamento stanno diventando la regola. Ma, alla base di tutto, c’è il buon andamento delle mercato delle abitazioni che trascina l’intero comparto immobiliare.

I dati

Nella seconda parte del 2022, nelle grandi città, secondo l’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa i prezzi dei box sono in aumento dell’1,6%, quelli dei posti auto dell’1,7%. In tutte le metropoli i valori crescono, a eccezione di Napoli dove c’è una discesa per i valori dei box e Palermo e Torino dove il ribasso interessa i posti auto. Milano (+2,6% e +2,5%), Roma (+3,5% e + 2,5%) e Firenze (+2,7% e +2,6%) sono le città in cui i prezzi sono cresciuti maggiormente. Nel 2022 sono stati scambiati 450.274 box + 3,2% rispetto all’anno precedente, aumento legato soprattutto al buon andamento del mercato immobiliare.

Acquisto o affitto

I dati relativi alle operazioni realizzate dalle agenzie del Gruppo Tecnocasa, nel 2022, confermano che il 74,1% delle operazioni relative ai box riguardano le compravendite e solo il 25,9% la locazione. Rispetto a un anno fa si evidenza un incremento della percentuale delle compravendite di box (passati da 73,9% a 74,1%), naturale conseguenza del trend delle compravendite delle abitazioni.

Utilizzo o investimento

Nella maggioranza dei casi chi acquista un box lo fa per utilizzarlo, ma c’è una discreta percentuale che lo acquista per metterlo a reddito (47,5%) dal momento che garantisce una semplicità di gestione e un rendimento annuo lordo del 6,5%.

I prezzi

Ma quanto costa acquistare un box a Milano? In zona Garibaldi-Moscova il picco: qui si può arrivare a spendere 100mila euro, in centro il valore medio è 80mila. Meno di 20mila è difficile anche in periferia. Nelle zone più prestigiose degli altri capoluoghi lombardi il range è tra i 60 e gli 80mila euro, con valori medi cittadini prevedibilmente più bassi di quelli di Milano. Sono Bergamo (5.3%) e Brescia (6,1%) a guidare la classifica dei rincari nel confronto tra primo e secondo semestre 2022. Le uniche città dove i prezzi calano sono Cremona e Mantova. Ecco il borsino di Tecnocasa che può risultare utile a chi deve decidere se acquistare o meno un garage o un posto auto in Lombardia