Assicurazione auto più cara. Ecco dove e quanto costano gli aumenti record in Lombardia

A guidare la spiacevole classifica sono Milano, Bergamo e Brescia

Nuovo aumento dell'assicurazione auto (Archivio)

Nuovo aumento dell'assicurazione auto (Archivio)

Milano, 7 agosto 2023 – Più incidenti stradali e inevitabile aumento dei prezzi delle assicurazioni auto. E come sempre in testa alla classifica nera c’è la Lombardia.

Premio medio di 237,6 euro

Secondo le rilevazioni di Segugio.it si è registrato a luglio un premio medio di 437,6 euro, in crescita del 21 pèer cento sullo stesso mese dell'anno precedente e del 4% su giugno 2023.

Nord, aumento del 24,7%

Gli aumenti superano il 20% su tutto il territorio, con picchi del 24,7% al Nord e del 24,5% al Centro, con l'eccezione del Sud che in media registra un +11,7%.

Milano e Bergamo tra le più penalizzate

Nel dettaglio, su base provinciale, Milano segna un +33,9 per cento, Bergamo un +26,3%, Brescia si “ferma a quota +25,6%.Per avere un paragone basta pensare che a Roma il costo è cresciuto del 25,3%, a Palermo del 18,2%, a Napoli del 15% e Salerno (+6,2%).

Le maglie nere

Aumenti maggiori rispetto alla Lombardia solo in provincia d’Aosta (+42,5%), Siena (+41,2%) e Campobasso (+40,7%). Al contrario si registrano aumenti sotto il 5% in alcune province del Sud, tra cui Avellino (+2,3%), Crotone (+2,8%), Benevento (+3,5%), Isernia (+4,2%) e Caserta (+4,8%).

Più incidenti=aumento Rc auto

Tutto questo perché dopo anni di risultati positivi, il saldo tecnico del lavoro diretto delle compagnie assicurative del ramo Rc auto (differenza tra premi incassati, costi per incidenti e spese di gestione) ha chiuso il 2022 con una perdita pari a 318 milioni di euro.

Relazione Ania

È quanto emerge dalla relazione annuale Ania pubblicata a luglio 2023 e ripresa dall'Osservatorio assicurativo di Segugio.it, secondo il quale la conseguenza di questa perdita è stato proprio il progressivo aumento dei prezzi da parte delle compagnie. Nel 2022, evidenzia il portale, il ritorno alla normale circolazione da post covid e da riduzione dello smart working ha portato a un aumento del numero di incidenti ed esploso il costo dei sinistri.