Quotidiano Nazionale logo
12 nov 2021

Acquerello di Van Gogh battuto all'asta per 36 milioni di dollari

Il facoltoso acquirente ha chiesto di rimanere anonimo. L'opera è stata confiscata dal regime nazista 

virginia pedani
Cultura
featured image
L'acquerello Meules de blé battuto all'asta per 36 milioni di dollari

Attorno al mercato del mondo dell'arte, si sa, ruotano milioni e milioni di dollari. Ma il record di questa nuova asta, sarà difficile da eguagliare: 36 milioni per l'acquerello "Meules de blé" dell'intramontabile Vincent Van Gogh, confiscato dal regime nazista durante l'occupazione tedesca in Francia.  

Ieri sera, durante l'asta di "Christie's" a New York, il coloratissimo disegno che raffigura covoni di grano (eseguito nel 1888 in Provenza), è stato venduto per 35.855.000 dollari, l'equivalente di 31.340.000 di euro. Una cifra da capogiro. Il suo acquirente, presente nella sala del Rockefeller Center, ha chiesto di restare anonimo

La storia dell'acquerello

Eseguito nelle prime settimane del giugno 1888, "Meules de blé" di Vincent Van Gogh è uno dei primissimi della sua "serie" sul raccolto del grano. All'interno dell'acquerello, il paesaggio di Arles nel pieno della mietitura, con una miriade di linee e tratteggi, tratte e pozze di colore che "trasmettono l'atmosfera di quella giornata di mezza estate con una vitalità sorprendente". 
L'opera fu poi acquistata nel 1913 alla "Galerie Druet" di Parigi da Max Meirowsky, un industriale che produceva isolatori per le industrie ferroviarie, automobilistiche ed elettroniche, che visse prima a Colonia e poi a Berlino. L'acquerello divenne uno dei "gioielli della corona" della sua vasta collezione artistica.  

Durante il regime nazista in Germania, Meirowsky affrontò la persecuzione antiebraica, che portò alla vendita di opere d'arte della sua collezione. Alla fine del 1938, Meirowsky fuggì dalla Germania per Amsterdam e poi per Ginevra: fu durante questo viaggio che Meirowsky affidò "Meules de blé" alla galleria "Paul Graupe Cie" di Parigi. "Meules de blé" entrò poi nella collezione parigina di Miriam Caroline Alexandrine de Rothschild, studentessa di medicina che aveva ereditato una parte della sua collezione d'arte dal padre Edmond James de Rothschild ed era una rispettata collezionista.

A partire dalla metà degli anni '30, Alexandrine de Rothschild acquistò diversi dipinti e opere su carta di artisti post-impressionisti, tra cui importanti opere di Van Gogh, Paul Cézanne e Paul Gauguin. Con lo scoppio della seconda guerra mondiale, Alexandrine si rifugiò in Svizzera e la sua collezione d'arte a Parigi, compresa "Meules de blé", fu confiscata dal regime nazista durante l'occupazione. Negli anni del dopoguerra, Alexandrine cercò di rintracciare e recuperare la sua collezione d'arte e la sua biblioteca saccheggiate, ma mentre riuscì a recuperare alcune opere, molte altre rimasero disperse, tra cui  il noto acquerello. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?