Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
3 dic 2021
3 dic 2021

Sci, capienza al 100% per gli impianti ma controlli a tappeto sul Green pass

Arriva l'ordinanza che da un lato mette chiarezza sulle regole per il turismo invernale, dall'altro pone le basi per il rilancio in sicurezza del settore

3 dic 2021
BORMIO, SCUOLA SCI
Bambini e adulti aspettano le vacanze per andare a sciare
BORMIO, SCUOLA SCI
Bambini e adulti aspettano le vacanze per andare a sciare

Roma - Arrivano i controlli a tappetto sugli sciatori per verificare il green pass. Finalmente le linee guida per consentire la ripresa del settore sciistico sono state adottate con un’ordinanza del ministero della Salute. In questo modo tutti gli operatori del settore avranno regole chiare e certe per svolgere l’attività in piena sicurezza e nel rispetto della salute pubblica”. Lo riferiscono i deputati del Movimento 5 Stelle Elisa Tripodi e Simone Valente , a margine della loro interpellanza urgente sulla ripartenza del turismo invernale, presentata oggi alla Camera.

 Nella sua risposta, la sottosegretaria di Stato per la Giustizia Anna Macina ha evidenziato che il nuovo protocollo rivisto ieri in Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, sulla base delle indicazioni espresse dal Comitato tecnico-scientifico, e adottato con un’ordinanza dal ministero della Salute, prevede per gli impianti a fune la possibilità di introdurre i controlli a campione sul possesso delle certificazioni verdi e aumenta la capienza all’80% per gli impianti chiusi (cabinovie e funivie) e al 100%, come già previsto per le seggiovie, anche per le sciovie. 

La portata è ridotta all’80% se le seggiovie vengono utilizzate con la chiusura delle cupole paravento. “Il settore turistico invernale - aggiungono i deputati - è stato uno dei più danneggiati da questa pandemia, subendo le più gravi conseguenze negative dovute alle limitazioni messe in campo per arginare la diffusione del virus. Gli operatori hanno dimostrato ampiamente di prestare massima attenzione ai protocolli sanitari e bloccare nuovamente le loro attività sarebbe stato un danno fatale oltre che ingiusto”. 

Con questa interpellanza “diamo una risposta concreta a tutto il comparto che attende da molto tempo una ripartenza efficace e continuativa” e “abbiamo tutti gli strumenti per garantire una ripresa efficace e scongiurare così ulteriori chiusure”. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?