Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 giu 2022
15 giu 2022

Covid, Ricciardi: "Curva in forte risalita. Rischio 100mila contagi? Ipotesi reale"

Il docente e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza raccomanda "di "mantenere la mascherina nei luoghi chiusi e affollati e sui mezzi di trasporto"

15 giu 2022

Milano, 15 giugno 2022 - Torna l'allarme Coronavirus? No, ma "la curva è in risalita forte". E, secondo quanto detto all'Adnkronos Salute da Walter Ricciardi, docente di Igiene all'Università Cattolica e consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza "c'è una dinamica di crescita legata all'incredibile contagiosità di questa variante Omicron che ormai è al 100%, ma le BA.4 e BA.5 la stanno sostituendo e si stanno diffondendo". "La nostra raccomandazione - aggiunge l'esperto - è di mantenere la mascherina nei luoghi chiusi e affollati e di tenerla obbligatoria nei trasporti locali, sul treno e in aereo". 

Covid, il bollettino del 14 giugno 2022

Obbligo di mascherina, dove decade davvero e dove no: ecco cosa succede dal 16 giugno

C'è il rischio che la pandemia di Covid riprenda a correre, con la possibilità che si arriva a 100mila casi al giorno? "E una ipotesi che con questa contagiosità potrebbe anche avverarsi", risponde Ricciardi. E prosegue: "Dovremmo aumentare la protezione vaccinale. Ci sono troppi over 80 che non hanno fatto secondo booster, quindi sono protetti ancora, ma potrebbero essere vulnerabili. Dobbiamo stare attenti, ecco perché servono ancora le mascherine".

Covid, il ministro Speranza è positivo e in isolamento

Il docente sottolinea che "con la pandemia abbiamo assistito al peggior deterioramento della salute degli italiani dal Dopoguerra. Mai c'era stato peggioramento sia nella qualità della vita che nella quantità della vita. Con alcuni aspetti eclatanti che stanno emergendo ora come la salute mentale, messa a dura prova. Ma anche la salute fisica". "A parte il Covid - conclude Riccardi -, per tutte le patologie si stanno creando situazioni di enorme ritardo e disagio nelle cure. Si dovrà recuperare, ma il sistema italiano fa fatica perché è regionalizzato e quindi tutto è funzionale alla capacità delle singole regioni". 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?