Quotidiano Nazionale logo
2 nov 2021

Covid, scoperto anticorpo universale. Funziona contro tutti i coronavirus, varianti e Sars

La ricerca portata avanti negli Stati Uniti: un'arma universale da utilizzare in terapia e prevenzione. Gli esperti: "Potrà neutralizzare anche nuovi virus"

featured image
Laboratorio

Un nuovo anticorpo "jolly", potenzialmente efficace contro un'ampia varietà di coronavirus: dal Sars-CoV-2 (Covid, varianti comprese) al Sars-CoV-1 della Sars, la sindrome respiratoria acuta grave diventata epidemia mondiale tra il 2002 e il 2004, fino a ipotetici Sars-CoV-3 e Sars-CoV-4 che potrebbero comparire in futuro.

La speranza di una "arma universale", da utilizzare in terapia e in prevenzione, arriva da uno studio americano pubblicato su Science Translational Medicine. Frutto di una collaborazione tra ricercatori della Duke University di Durham e della University of North Carolina (Unc) di Chapel Hill, il progetto è sostenuto da diversi organismi Usa fra cui il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid, Nih), nonché dal Dipartimento della Difesa. L'anticorpo è stato identificato da un team del Duke Human Vaccine Institute (Dhvi) e testato su modelli animali alla Unc di Chapel Hill.

Per isolarlo il gruppo di Barton Haynes, direttore di Dhvi, ha analizzato il sangue di un paziente Covid e di uno che era stato infettato dal virus Sars-CoV-1 della Sars. Su un totale di oltre 1.700 anticorpi individuati, gli scienziati ne hanno trovati 50 in grado di legarsi sia al virus della Sars sia a quello di Covid. Fra questi uno sembrava particolarmente potente, capace di agganciare anche svariati altri coronavirus animali. Testato dall'équipe Unc di Ralph S. Baric, l'anticorpo selezionato è riuscito sia a contrastare l'infezione una volta avvenuta sia a ridurre al minimo il numero di infezioni.

"Questo anticorpo si lega al coronavirus in una posizione conservata attraverso numerose mutazioni e variazioni - sottolinea Haynes - Di conseguenza può neutralizzare una vasta gamma di questi microrganismi", presenti e futuri, ossia ancora non "saltati" dall'animale all'uomo. "I risultati - auspica Baric - forniscono un modello per la progettazione razionale di strategie vaccinali universali, che siano a prova di variante e forniscano un'ampia protezione dai coronavirus noti ed emergenti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?