La situazione nelle case di riposo comasche è tornata preoccupante
La situazione nelle case di riposo comasche è tornata preoccupante

Stanno aumentando i contagi all’interno delle case di riposo e i sindacati hanno lanciato un appello per chiedere a Regione Lombardia di intervenire, anche chiedendo allo Stato di inviare l’esercito se necessario. "Stiamo registrando a livello territoriale un grave problema collegato alla carenza del personale infermieristico nello specifico nelle rsa e per le residenze sanitarie per disabili – spiegano le segreterie della Funzione Pubblica di Cgil, Cisl e Uil - Questa carenza è sempre stata presente nel nostro territorio, ma oggi sta diventando ingestibile, per motivazioni collegate alla concorrenza con la vicina Svizzera, sia perché il reclutamento nel settore pubblico è aumentato quantitativamente negli ultimi mesi". Mancano infermieri e oss che vanno oltreconfine dove vengono pagati meglio. "Sul territorio si registrano situazioni al limite come quella denunciata dalla Fondazione Cà d’industria di Como, far fronte all’emergenza è un atto dovuto e tutti i soggetti coinvolti devono attivare tutti i possibili canali per tentare di dare risposte a chi in questo momento cerca di fare tutto il possibile per garantire un servizio di qualità ad utenti fragili – concludono i sindacati - Per questa ragione siamo convinti che sia necessario attuare anche misure straordinarie, ricorrendo se necessario anche alle figure professionali dell’Esercito Italiano".