Carambola fatale a Eupilio, Simone Negri muore alla vigilia dei 24 anni. Grave l’amico 26enne

Lo schianto tra due auto per un salto di corsia sulla Sp 639, nel Comasco. Il dolore della sua ragazza: "Eri speciale, non doveva succedere a te"

Simone Negri morto nell'incidente

Simone Negri morto nell'incidente

Simone avrebbe compiuto 24 anni domani, ma i 24 anni Simone non li raggiungerà né li festeggerà mai. La vita di Simone si è fermata per sempre a 23 anni, sulla ex Statale dei laghi di Pusiano e Garlate. Era nato il 20 dicembre 1999 Simone Negri, il giovane di Cesana Brianza che domenica sera è morto in un incidente stradale sulla Sp 639 all’altezza di Eupilio, nel Comasco. "Amore, un incidente mortale ti ha portato via – sono le parole di Lucrezia, la fidanzata, affidate ai social -. Io non ho parole e non ho più un filo di forza per realizzarlo. Ti amo tanto e non doveva succedere tutto questo, non doveva succedere a te. Sei stata una persone speciale, unica, capace di cambiarmi, farmi sentire viva e sorridere per ogni piccola cosa. Grazie per l’amore che mi hai trasmesso sin dal primo giorno perché sei stata la scoperta più bella della mia vita".

Simone era alla guida della sua Renault Clio. Si è schiantato contro la Ford Focus che stava guidando un 26enne di Suello. L’impatto, frontale, è stato violentissimo. Non si sa chi dei due abbia invaso la corsia opposta, ma entrambi correvano parecchio, anzi troppo. Ad avere la peggio è stato Simone, morto praticamente sul colpo, nonostante la cintura di sicurezza allacciata e nonostante siano esplosi gli airbag. Quando i vigili del fuoco di Erba sono riusciti a liberarlo dai rottami della macchina, aprendosi un varco tra le lamiere con divaricatori e cesoie pneumatici, il suo cuore aveva già smesso di battere e i suoi polmoni di respirare, sebbene i sanitari di Areu, intervenuti in forze con automedica, autoinfermieristica, eliambulanza e volontari del soccorso di Sos di Canzo e della Croce Rossa di Olgiate abbiano tentato a lungo di rianimarlo.

Anche l’altro giovane lecchese di 26 anni è rimasto intrappolato tra i rottami, ma i soccorritori lo hanno estratto vivo: dopo essere stato stabilizzato, è stato trasportato d’urgenza in ambulanza all’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, Como. Le sue condizioni sono gravi e la prognosi per lui resta estremamente riservata. Per consentire le operazioni di soccorso, i carabinieri hanno chiuso a lungo la provinciale. Le due auto coinvolte nella carambola sono sotto sequestro in attesa di accertare dinamica e responsabilità.

Residente a Cesana Brianza, appunto, con mamma Roberta, papà Pierangelo e una sorella più giovane, Simone Negri era nato a Erba, al Fatebenefratelli, ma era cresciuto in paese, dove aveva giocato anche a calcio nella squadra del posto. Solo poche ore prima della morte di Simone, era stata comunicata la morte, dopo due giorni di agonia, di Franco Della Muzia, l’81enne investito a Valaperta di Casatenovo da una 50enne del paese alla guida di una Chevrolet Aveo mentre attraversava la strada insieme al figlio Flavio di 52 anni, a sua volta ricoverato in gravi condizioni al Niguarda di Milano.