Raffica di incendi sospetti, l’ultimo manda in fumo sala slot a Olgiate Comasco

Locale prossimo all’inaugurazione. Almeno tre i punti d’innesco delle fiamme. Altro inquietante episodio: quattro molotov lasciate davanti a un ristorante, una è esplosa

Vigili del fuoco in azione nella notte

Vigili del fuoco in azione nella notte

Olgiate Comasco –  L’ultimo esercizio commerciale vittima di un danneggiamento è stato una sala slot in via Lomazzo a Olgiate Comasco, che sarebbe dovuta entrare in attività a breve. Verso le 22 di martedì sera qualcuno è entrato passando dalla porta sul retro, e ha appiccato tre distinti incendi.

I vigili del fuoco arrivati in posto quando le fiamme hanno iniziato a prendere vigore, si sono subito resi conto che si trattava di un gesto doloso e hanno fatto intervenire i carabinieri. Al momento non sono state trovate tracce di liquido infiammabile, ed è plausibile che gli inneschi siano stati fatti utilizzando materiali infiammabili presenti all’interno dell’esercizio, ma gli accertamenti sono ancora in corso. Nel frattempo, i carabinieri hanno sentito il gestore della sala e il proprietario dell’immobile, entrambi cittadini di origine cinese. Al momento non ci sono molte informazioni, e non è nemmeno ipotizzabile in quante persone siano entrate per appiccare i roghi.

La notte di San Silvestro, nel mirino è invece finito un negozio di alimentari in via Scalabrini a Cermenate, contro il quale è stato lanciato un ordigno non meglio qualificato, ma certamente ben più consistente di un petardo o di un fuoco da festeggiamenti. L’esplosione ha divelto la serranda, frantumato la vetrina e un espositore immediatamente adiacente. A dare l’allarme è stata la proprietaria, quando è scattato l’allarme antintrusione. Anche in questo caso, i carabinieri hanno svolto un sopralluogo e raccolto i primi elementi, in attesa di capire cosa possa aver causato l’incursione. Infine il primo dei tre episodi avvenuti in questi giorni, anche se tutti con caratteristiche differenti, risale alla sera del 30 dicembre, ancora a Olgiate Comasco.

Davanti al ristorante Dolce Vita di via Guglielmo Marconi, sono state lasciate quattro bottiglie incendiarie ma prive di innesco, praticamente molotov non finite ma piene di liquido infiammabile. Una di queste è esplosa, colpita pare da un bengala che difficilmente potrebbe essere atterrato per caso esattamente in quel punto. I danni prodotti all’esterno del locale, in questo caso sono stati di lieve entità, ma questo è il terzo episodio su cui stanno indagando i carabinieri.