Ex Casa della Marchesa sorvegliata speciale dopo le crepe sui muri

L’assessore ai Lavori pubblici tranquillizza

Ex Casa della Marchesa sorvegliata speciale dopo le crepe sui muri

Rassicurazioni arrivano dall’assessore ai Lavori pubblici del Comune capoluogo di provincia Marco Brembilla

Prosegue l’opera costante di manutenzione e monitoraggio del Comune sugli edifici storici. Interventi fondamentali, visto che il capoluogo da questo punto di vista è fragile. L’ultima operazione di controllo riguarda le crepe dell’ex Casa della Marchesa, antico edificio che era la vecchia casa del custode alla Rocca, la fortificazione trecentesca di Città Alta. Sono tenute sotto osservazione da una serie di "rilevatori": eventuali cedimenti saranno immediatamente visibili attraverso i "vetrini" che misurano l’eventuale allargamento delle fessurazioni nelle pareti della struttura. Un’accortezza dettata anche dal fatto che il tetto dell’ex Casa della Marchesa è di fatto la terrazza panoramica dei giardini della Rocca. Ed essendo disabitata, è necessario un ulteriore monitoraggio, dopo l’intervento di consolidamento del 2021. Qualcosa che il progetto di consolidamento dell’edificio da subito aveva previsto, insieme alle opere eseguite: tre ordini di tiranti, una maglia d’acciaio in aderenza al muro e il puntellamento delle volte, oltre a "iniezioni" di malta di calce nelle fessure e la gestione delle acque che scendono dal belvedere, per scongiurare infiltrazioni. Dal rapporto tecnico di monitoraggio del settembre 2023, però, è emersa una criticità. "Una cella di carico dei tiranti del muro di sostegno posizionati sul fabbricato - scrivono i tecnici comunali - presenta una perdita di circa il 40% della trazione iniziale". A ottobre si è deciso quindi di intervenire. Lavori terminati a dicembre. Rassicura l’assessore Marco Brembilla: "L’edificio è in sicurezza ed è stato consolidato. Questo ulteriore intervento serve per tenere la struttura sotto controllo".