La protesta a Campione d'Italia (foto Cusa)
La protesta a Campione d'Italia (foto Cusa)

Campione d'Italia (Como), 16 marzo 2019 - Almeno quattrocento persone oggi alle 13 hanno bloccato l'ingresso e l'uscita in paese tirando delle catene all'altezza del grande arco che marca il confine tra Campione d'Italia e la Svizzera. Tra di loro tanti ex dipendenti della casa da gioco, ma anche semplici residenti perché tutta la comunità dell'ex clave dal luglio scorso sta vivendo un autentico incubo. 

"Si sono dimenticati di noi, la politica è completamente latitante e a nessuno importa se un'intera comunità è stata praticamente ridotta alla fame - hanno ricordato i manifestanti riuniti in presidio - Sopravviviamo grazie agli aiuti degli svizzeri che portano generi di prima necessità al banco alimentare che abbiamo aperto in centro paese. Praticamente siamo tornati ai tempi della prima e della seconda Guerra Mondiale. Siamo disperati, così non si può più andare avanti". 

false

Attendevano risposte i cittadini di campione, ma nessun politico è arrivato da Roma e neppure da Como, lo stesso hanno fatto le forze dell'ordine italiane a esclusione dei carabinieri della locale caserma, anche loro costretti a lavorare da oltre un anno senza il riconoscimento dell'indennità di confine. I militari hanno informato la Prefettura di Como, ma siccome nessuno è giunto dal capoluogo è toccato a loro parlamentare con i manifestanti cercando di convincergli a sciogliere il presidio. Dall'altra parte dell'arco, in territorio elvetico, la polizia cantonale era presente in forze ma per deviare il traffico diretto a Campione d'Italia.