BEATRICE RASPA
Cronaca

Brescia, va in vacanza e sparisce con i figli: professionista americana a processo

La donna è accusata di sottrazione di minore e mancato rispetto delle decisioni del tribunale

Brescia, insegnante a processo per aver picchiato due ragazzi con mazza da baseball

Brescia, insegnante a processo per aver picchiato due ragazzi con mazza da baseball

Brescia - L'ex moglie va in vacanza negli Stati Uniti con i bambini e dopo un mese di assenza comunica al padre dei suoi figli che non sarebbe più rientrata in Italia. Ora la donna, una professionista americana, è sotto processo. Sottrazione di minore e inottemperanza alle decisioni del tribunale, che aveva disposto l’affido congiunto dei piccoli ai genitori, sono i reati contestati.

In aula, davanti al giudice Carlo Ernesto Macca, il papà, assistito dall’avvocato Roberto Lancellotti, ha raccontato la sua odissea. La coppia a detta dell’uomo si sfasciò nel 2012 per un tradimento della signora. Fino al 2016 la gestione a settimane alterne della prole aveva funzionato.

Ma nell’estate di quell’anno l’imputata partì per le vacanze in California - con lei c’erano i bambini di 12 e 16 anni - e non tornò. "L’ultimo giorno di ferie mi telefonò per informarmi. Aveva già venduto l’auto e la casa di Brescia. Era stata una decisione premeditata. Per 9 mesi interruppi qualsiasi contatto con i bambini perché lei mi denunciò sostenendo che li picchiassi. Ma non era vero". A carico del professionista le autorità americane emisero una sorta di divieto di avvicinamento. "Anche in Italia negli anni precedenti lei aveva sporto ripetute denunce, tutte archiviate. Ma pure io la denunciai: per un pugno che mi sferrò in presenza dei bambini, e per avere pubblicato sui social foto in cui appariva discinta, con mio figlio e il nuovo fidanzato che la toccavano".

Per la vicenda delle presunte violenze a carico del padre negli Usa fu istruito un processo. Sulla scorta della Convenzione dell’Aia nell’aprile 2017 i giudici riaffidarano il dodicenne al papà. "Il piccolo vive con me. Il maggiore, invece, più fragile e con un forte conflitto di realtà perché la madre continua a dirgli che sono un violento, è rimasto in California. E con lui il rapporto e la comunicazione sono difficili. La mia ex continua a ostacolare un riavvicinamento. Io non mi rassegno".