Quotidiano Nazionale logo
20 mar 2022

Svuotano i serbatoi dei “bisonti“ parcheggiati, finiscono in manette

Albano Sant’Alessandro, tempestiva la denuncia del titolare dell’azienda presa di mira e i carabinieri fermano i due ladri

I carabinieri con le taniche recuperate
I carabinieri con le taniche recuperate
I carabinieri con le taniche recuperate

In giorni come questi, dove il prezzo della benzina ha avuto un’impennata, c’è stato chi ha pensato bene di procurarsi carburante. Come? Rubandolo. In due hanno prosciugato il serbatoio dei Tir di un’azienda di trasporti, ad Albano Sant’Alessandro, per poi finire arrestati dai carabinieri. È successo nella notte del 18 marzo e a intervenire sono stati i militari della Compagnia di Bergamo allertati dallo stesso titolare dell’azienda presa di mira dai ladri. Secondo quanto ricostruito, gli autori, un 43enne e un 64enne, entrambi bergamaschi e con precedenti penali, si erano intrufolati nell’azienda "armati" di taniche. Una volta all’interno hanno svuotato i serbatoi dei Tir parcheggiati. Svuotati si sono allontanati. A dare l’allarme il proprietario. Sul posto i carabinieri che hanno avviato le indagini per risalire agli autori del furto: i due sono stati rintracciati lungo le sponde del fiume che costeggia la ditta. Erano intenti a caricare su un’auto 7 taniche piene di gasolio. La perquisizione domiciliare ha permesso di recuperare indumenti intrisi di gasolio e una cesoia. Elementi inequivocabili circa la loro partecipazione al furto. Il titolare aveva denunciato un ammanco di circa 1.200 litri di gasolio per un valore di circa 2.400 euro, considerando le attuali tariffe. F.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?