Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
16 dic 2020

Rito abbreviato ventidue anni dopo il delitto

16 dic 2020

Così come nell’udienza scorsa Veap Dehari, albanese, imputato per un duplice omicidio commesso il 10 ottobre 1998 a Osio Sotto, si è presentato in tribunale. Davanti al gip, Maria Luisa Mazzola, e al pm Paolo Bettini, Dehari, assistito dagli avvocati Paolo Maestroni e Filippo Dinacci, si è visto accogliere la richiesta di rito abbreviato, condizionato all’interrogatorio del presunto complice, Peter Deja, alias Almir Harun, condannato all’ergastolo, in carcere in Albania. L’interrogatorio avverrà per rogatoria, e la prossima udienza è stata fissata il 2 febbraio. Per le indagini quel duplice omicidio era un regolamento di conti legato al racket della prostituzione. Morirono Flamur e Astrid Kolaveri, fratelli albanesi di 26 e 27 anni, uccisi a colpi di pistola. Dehari è sempre stato uno dei due sospettati dai carabinieri.

Usando alcuni alias, era rientrato in patria, dove, tramite l’Interpol, è stato rintracciato e arrestato il 3 luglio 2019. Il 17 novembre successivo è avvenuta l’estradizione in Italia e il 4 settembre scorso è uscito dal carcere di Cremona per decorrenza dei termini della custodia cautelare. Ecco perché ha potuto presentarsi in via Borfuro a piede libero. Dehari era sparito subito dopo il ritrovamento dei cadaveri. In Albania avevano le sue impronte per altre vicende, così quando è stata fatta la comparazione e ha dato esito positivo, l’uomo è stato bloccato. F.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?