Questa volta l’Atalanta piega la testa. Marotta: “Inzaghi? Sta bene con noi"

L’ Ad nerazzurro: "C’è un rapporto splendido fra lui e la squadra, abbiamo un gruppo che ha valori importanti"

Questa volta l’Atalanta piega la testa . Marotta: Inzaghi? Sta bene con noi"

Questa volta l’Atalanta piega la testa . Marotta: Inzaghi? Sta bene con noi"

Il futuro nerazzurro è roseo. E non solo per il distacco siderale di 12 punti della capolista dalla Juventus seconda in classifica.

L’Inter guarda con serenità ai rinnovi contrattuali dei suoi uomini chiave, il tecnico Simone Inzaghi, in scadenza nel giugno 2025, e il bomber e capitano Lautaro Martinez, in scadenza nel giugno 2026.

C’è tempo e c’è voglia reciproca di proseguire un progetto pluriennale ha spiegato prima del match contro l’Atalanta l’amministratore delegato dell’Inter, Beppe Marotta, ai microfoni di Dazn. "Inzaghi? Vogliamo continuare con lui: oggi i primi 4 club della classifica sono guidati da tecnici tutti in scadenza nel 2025".

"Siamo contenti di averlo con noi - aggiunge - e l’aspetto contrattuale rappresenta un complemento. Oggi la cosa bella è che lui gode la stima di tutto il mondo Inter, assolutamente per merito dimostrando professionalità e competenza".

Discorso analogo per i giocatori, a cominciare da Lautaro, ha rimarcato Marotta: "C’è un gruppo bello, splendido, raramente mi è capitato di avere a che fare con giocatori così attaccati alla maglia. Ci sarà da rinnovare alcuni contratti ma sono dinamiche che non comportano ansie, nè da parte loro, nè da parte nostra. Il nostro compito è di guardare il presente che sono le partite, dando un occhio a quello che può essere il futuro, andando a monitorare e cogliere le opportunità che sono gli svincolati. Poi inizieranno le trattative vere e proprie per dare continuità al nostro progetto".

Chiaro il riferimento a Martinez.

Filosofia analoga in casa Atalanta. La Dea, che domenica alle 18 al Gewiss si gioca uno spareggio Champions contro il Bologna, ha vincolato Gasperini fino al 2026 e tutti i suoi assi fino alla scadenza minima del 2027, incluso Teun Koopmeiners ambito dalla Juventus e dai top team britannici. "Siamo concentrati su quello che stiamo facendo. Posso solo ringraziare Stephen Pagliuca (il co proprietario statunitense), che ci mette nelle condizioni ideali per lavorare e rifiutare anche offerte importanti. Koop è imprescindibile, che lo godiamo e in futuro vedremo", ha sottolineato a Dazn l’amministratore delegato atalantino Luca Percassi.

Chiosando poi su Gianluca Scamacca: "Siamo contenti di averlo e siamo certi che alla lunga le sue doti verranno fuori. E’ stato voluto fortemente da tutti. Ci sono sempre grandi aspettative, vuol di dire che è un giocatore importante. Dobbiamo avere pazienza, ma ha grandi doti".