Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 dic 2020

La rapina, il cutter e il Dna: i punti chiave

Omicidio Del Gaudio, l’assoluzione di Tizzani smonta un’indagine durata quattro anni e lascia il delitto senza un colpevole

24 dic 2020
francesco donadoni
Cronaca
Antonio Tizzani all’uscita dal Tribunale di Bergamo
Antonio Tizzani all’uscita dal Tribunale di Bergamo
Antonio Tizzani all’uscita dal Tribunale di Bergamo
Antonio Tizzani all’uscita dal Tribunale di Bergamo
Antonio Tizzani all’uscita dal Tribunale di Bergamo
Antonio Tizzani all’uscita dal Tribunale di Bergamo

di Francesco Donadoni "Uno che non ha fatto niente che cosa si deve aspettare? Ora passerò il Natale con figli e nipoti. L’assassino di mia moglie è ancora in giro. L’incappucciato? Io quello ho visto". Sono le prime parole pronunciate all’uscita dal tribunale, dopo la lettura della sentenza, da Antonio Tizzani, 72 anni, marito e unico indagato per l’omicidio della moglie, l’ex professoressa Gianna Del Gaudio, 63 anni, uccisa nella notte tra il 26 e il 27 agosto 2016, con una coltellata alla gola nella villetta di famiglia a Seriate. L’ex ferroviere è stato assolto da tutto con formula piena (530, comma 1). Dall’omicidio della moglie, per non aver commesso il fatto, e perchè il fatto non sussiste per quanto riguarda i maltrattamenti. Le motivazioni verranno rese note entro i prossimi 90 giorni. Resta quindi senza un colpevole l’omicidio dell’ex professoressa. Eppure per l’accusa, sostenuta dal pm Laura Cocucci, che ne aveva chiesto la condanna, la ricostruzione fatta da Tizzani, più ai giornali e alle televisioni che al giudice, tranne durante la sue deposizione (per confermare quello che aveva sempre detto), era subito apparsa lacunosa. A cominciare dal ladro incappucciato che quella sera di agosto si sarebbe introdotto nella villetta a scopo di rapina e poi sarebbe fuggito ma senza portar via nulla. Certo, la famosa collana che Gianna teneva sempre addosso non è mai stata trovata. E ancora. In casa non sono state mai trovate altre impronte di scarpe, tranne quelle di un ausiliare del 118 e di un militare della Scientifica. Altro punto su cui si è basata l’accusa, il Dna di Tizzani sul cutter. Poi il capitolo maltrattamenti, con tanto di certificati medici. Solo il figlio Mario si è spinto ammettendo che sì, il papà qualche volta aveva dato uno schiaffo alla mamma. Infine le urla sentite ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?