Eurolega, Olimpia provaci ancora. Stasera per il bis col Panathinaikos

Ma la notizia del giorno è il ritorno del play Shabazz Napier che potrebbe risolvere molti problemi a Messina

Eurolega, Olimpia provaci ancora. Stasera per il bis col Panathinaikos

Eurolega, Olimpia provaci ancora. Stasera per il bis col Panathinaikos

Shabazz Napier, atto II. Si potrebbe intitolare così la nuova avventura a Milano del playmaker americano che dopo le telenovela estiva e la successiva firma in Serbia con la Stella Rossa, ora ritorno a vestire il biancorosso milanese. La stagione passata, arrivando a gennaio, fu capace di far svoltare la stagione dell’Armani letteralmente, quest’anno l’obiettivo è che possa essere quella guida che possa aiutare a mettere a posto tutte le tessere del puzzle.

L’errore che non si dovrà fare nelle valutazioni sarà quello di confrontare il suo impatto di questa stagione con quello della passata, sarà per forza diverso, probabilmente meno visibile, ma non per questo meno importante. Quest’anno in Eurolega con la Stella Rossa ha viaggiato a 9.8 punti e 2.3 assist a partita, ma senza mai riuscire ad inserirsi veramente nella squadra, l’anno passato a 15.0 punti e 3.9 nelle 12 partite europee giocante con l’Olimpia, prima di guidare i biancorossi alla vittoria del 30esimo scudetto: "Sono entusiasta e felice di tornare a Milano - dice lo stesso Napier - ho la fortuna di tornare nel posto in cui ho avuto successo e di poter riprendere il nostro percorso insieme da dove l’avevamo interrotto a giugno quando abbiamo festeggiato una grande vittoria".

Intanto questa sera torna subito in campo l’Olimpia Milano e lo fa in una gara molto delicata per il futuro della stagione europea. Al Forum arriva il Panathinaikos Atene, una delle formazioni che si trova davanti ai biancorossi in quelle posizioni che l’Armani brama per raggiungere almeno il play-in. "Affrontiamo una squadra di altissimo livello, che oltre tutto sta attraversando un periodo di ottima condizione - presenta l’avversario coach Ettore Messina - siamo coscienti, nell’emergenza, delle difficoltà di questa partita, ma dovremo continuare a dare ognuno il meglio di noi stessi ogni volta che andremo il campo. Se lo faremo, come è stato nelle ultime partite, non ho dubbi che squadra e pubblico contro il Panathinaikos si sosterranno a vicenda per tutti i 40 minuti".

Nella fila dei greci c’è anche l’ex milanese Jerian Grant che vinse lo scudetto 2022, come è presente anche il chiacchierato ex Dinos Mitoglou che vide interrompere la sua carriera milanese a causa della squalifica per doping. In regia un faro del basket europeo di quest’ultimo decennio come Kostas Sloukas, un ex-NBA di alto livello come Kendrick Nunn, in panchina un allenatore vincente come Ergin Ataman. Ci sono tutti gli ingredienti per stare in alto, eppure il Panathinaikos sta facendo fatica avendo vinto 8 partite su 15 trovandosi a metà classifica.