Caprino Bergamasco, un 73enne passa la notte al freddo nel bosco: ritrovato vivo

Era uscito per una passeggiata e non era più tornato a casa. Rintracciato questa mattina grazie all’utilizzo della tecnologia IMSI Catcher sull’elicottero della Finanza

L'uomo è stato trovato in una zona di bosco molto impervia
L'uomo è stato trovato in una zona di bosco molto impervia

Caprino Bergamasco (Bergamo) – È stato ritrovato vivo dopo una notte all’aperto e con temperature prossime allo zero l’uomo di 73 anni disperso da ieri. L’escursionista era uscito di casa per una passeggiata nei boschi vicino a Caprino Bergamasco ma non era più tornato e così, allarmati dal mancato rientro, i familiari avevano chiesto aiuto in serata.

Si sono messi in cammino i tecnici del Soccorso alpino, VI Delegazione Orobica. In collaborazione con i vigili del fuoco, le squadre del Cnsas - una ventina i tecnici impegnati - hanno battuto i sentieri principali durante la notte. Stamani, grazie all'utilizzo della tecnologia IMSI Catcher, a bordo dell'elicottero della Guardia di finanza, è stato possibile localizzare il segnale del cellulare ancora funzionante in un’area ristretta. Si tratta di un supporto che in molti interventi ha permesso di ritrovare persone disperse, grazie anche alla collaborazione fattiva tra le squadre del Cnsas - Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico e del Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza, spesso chiamate a operare in modo congiunto negli interventi in ambiente impervio.

Dopo una bonifica da terra da parte dei tecnici in un bosco intricato, in mattinata l’uomo è stato ritrovato vivo, trattato dal punto di vista sanitario, imbarellato, calato in portantina e consegnato all’équipe dell'elisoccorso di Bergamo di Areu - Agenzia regionale emergenza urgenza per il trasporto in ospedale.