Milano, 14 marzo 2016 - È stata sostituita con una programmazione didattica dedicata alle diverse etnie, la Festa del Papà in una scuola materna in via Toce, zona quartiere Isola. Lo hanno riferito i genitori dei bambini che la frequentano, alcuni dei quali nei giorni scorsi hanno protestato. Da parte dell'asilo nessuna comunicazione ufficiale. "Siamo una scuola comunale e non possiamo rilasciare alcuna dichiarazione - ha replicato la segretaria didattica - rivolgetevi alla nostra direzione di settore". Per il giorno di San Giuseppe quindi i bambini non prepareranno il solito lavoretto (un biglietto di auguri, un disegno, una poesia) da portare a casa al loro papà, ma un elaborato sulle diverse etnie nel mondo. Sui motivi che hanno portato a questo cambiamento non ci sono al momento versioni ufficiali, anche se - come riferito dall'Ansa- molti genitori non sembrano avere dubbi: sarebbe stato deciso per non urtare la sensibilità di alcuni bambini che avrebbero due mamme o due papà

Puntuali, sono arrivate anche le polemiche. All'uscita della scuola si è presentato anche Nicolò Mardegan, candidato sindaco della lista civica di centrodestra NoixMilano. "Siamo indignati - ha detto - e vogliamo esprimere il nostro sostegno alla famiglia naturale, continuamente vessata da un'amministrazione che preferisce genitore 1 e genitore 2 e che cerca di indottrinare i nostri figli al fatto che padre e madre sono da abolire. Difendiamo i bambini da questi cattivi maestri"."Un asilo comunale elimina la festa del papà per non offendere i genitori gay: siamo arrivati anche a questo a Milano, dopo che l'amministrazione arancione ha cancellato 'mamma' e 'papà' per 'genitore1' e 'genitore2'. Non c'è più alcun rispetto per la famiglia: non è certo una novità per il centrosinistra, sia a livello nazionale che locale, ma non ci arrendiamo, non lo accettiamo" ha sottolineato Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e capolista di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale alle Comunali 2016 milanesi. "L'assessorato ha precisato che è stata una scelta autonoma delle educatrici, ma la scuola è comunale, non è accettabile che ognuno faccia quello che gli pare - aggiunge De Corato -. Se la linea del Comune è quella di far fare a ogni educatrice quello che vuole, allora prepariamoci all'anarchia di ogni singola maestra. Palazzo Marino non può lavarsene le mani così, presenterò un'interrogazione". 

"Un asilo a Milano che abolisce la festa del papà per non offendere o discriminare le coppie di genitori gay? Una follia. Auspico che, se la notizia fosse confermata, il provveditore, o chi ha la responsabilità in materia, prenda provvedimenti rapidi e severi verso la direzione di questo asilo - ha detto Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord -. Questo episodio, comunque, conferma - aggiunge - che nelle scuole dell'area di Milano stiamo assistendo ad un inquietante deriva, con divieti di esporre i crocifissi nelle aule e feste di Natale annullate per non turbare le sensibilità degli studenti di altre fedi religiose, una deriva che non può non preoccupare, perché è chiaro che ci sono troppi presidi o direttori di istituti scolastici che approfittano del loro ruolo per fare politica e tentare di indottrinare i bambini in tenera età con le loro ideologie, giuste o sbagliate che si possano considerare. Basta con i 'cattivi maestri', basta fare politica sulla pelle dei bambini", conclude.