Vergiate, arrestato per aver pedinato l’ex moglie: minacce e insulti da un anno

L’uomo si trova in carcere con l’accusa di atti persecutori dopo aver raggiunto la donna sul luogo di lavoro e aver tentato di aggredirla

La polizia di Busto Arsizio (Archivio)
La polizia di Busto Arsizio (Archivio)

Busto Arsizio, 1 dicembre 2023 – Una donna ha vissuto l’incubo quotidiano di ricevere continue telefonate, insulti e minacce di morte dall’ex marito: un inferno che andava avanti da circa un anno. Pochi giorni fa l’uomo, un cinquantenne di origine albanese, l’ha raggiunta a Vergiate, sul posto di lavoro, per aggredirla.

La donna, terrorizzata dal comportamento dell’ex marito, ha subito chiamato il 112. In suo soccorso sono arrivati i carabinieri della stazione di Angera che hanno bloccato il cinquantenne arrestato d’intesa con il pubblico ministero di Busto Arsizio Ciro Caramore.

L’uomo è stato poi portato in carcere a Busto Arsizio con l’accusa di atti persecutori ed è in attesa di comparire davanti al Gip del Tribunale di Busto Arsizio per la convalida del provvedimento. La donna ha riferito agli inquirenti l’incubo che viveva a causa del comportamento dell’ex marito che la pedinava e la perseguitava con messaggi e telefonate minacciose giorno e notte.