Saronno, artista di strada derubata in pieno centro mentre suona la chitarra

Un uomo si è piegato come per lasciare qualche moneta, invece all’improvviso ha afferrato il cappello con dentro i soldi ed è scappato. Il sostegno del gruppo Centopercentoanimalisti

Mara e i suoi amici quattrozampe
Mara e i suoi amici quattrozampe

Saronno (Varese), 23 dicembre 2023 – Spiacevole episodio in pieno centro a Saronno. Venerdì pomeriggio, 22 dicembre, un’artista di strada è stata derubata in piazza Libertà mentre in compagnia dei suoi amati cani si stava esibendo con con la chitarra. 

Il furto

La giovane artista di strada stava suonando il suo strumento quando un uomo si è piegato come per lasciare qualche moneta, invece all'improvviso ha afferrato il cappello con dentro i soldi ed è scappato. La ragazza ha cercato di inseguirlo, ma non è riuscita a raggiungerlo.

La solidarietà del gruppo Centopercentoanimalisti

A denunciare l'accaduto è stato il gruppo Centopercentoanimalisti che ha espresso solidarietà nei confronti della giovane artista. “Mara, il suo nome, la conosciamo bene, dato che il nostro Movimento, un anno fa esatto, in occasione di una sua visita a Padova, aveva accolto una sua richiesta e contribuito per l’acquisto di un furgone che ora le funge da casa per lei e per i suoi pelosoni. Mara è una senza tetto e si mantiene con la sua attività, giochi di abilità e suonare la chitarra. Non usa i suoi Cani (uno è disabile) per raccattare elemosine, anzi, ribadiamo che darebbe la sua vita per loro. I Saronnesi durante la sua permanenza l’hanno accolta bene. Tuttavia, i presenti che hanno assistito alla scena impotenti, sono rimasti sconvolti”, hanno commentato dal Movimento. 

Secondo quanto riferito dal gruppo il ladro l’aveva già avvicinata nella mattinata chiedendole se volesse della droga, la ragazza ha rifiutato, per poi trovarselo di fronte nel tardo pomeriggio quando è tornato e le ha rubato il cappello con le offerte, dileguandosi in fretta.

La denuncia

“Mara ha sporto denuncia tramite i Carabinieri, confida nelle indagini e spera nelle telecamere presenti in piazza libertà (luogo dove è avvenuto il fatto). Rimane che il fatto è davvero grave. Il nostro Movimento cercherà di seguire la vicenda, un reato così infame non può essere perdonato”, conclude il gruppo Centopercentoanimalisti